Ritorno in classe, 3 milioni per potenziare didattica digitale: le somme stanziate scuola per scuola. Decreto ufficiale [PDF]

Stampa

Con il decreto n.103 del 19 agosto scorso, la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha stabilito il riparto delle somme per la didattica a distanza. Si tratta di quasi 3 miliardi di euro.

Con il decreto n.103 del 19 agosto scorso, la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha stabilito il riparto delle somme per il potenziamento della didattica a distanza. Si tratta di quasi 3 milioni di euro.

Kit e corredi didattici standard e innovativi, strumenti per la didattica digitale integrata, quaderni, astucci, diari. Sono tutti materiali che potranno essere acquistati dalle scuole con i fondi stanziati dal Ministero dell’Istruzione,
da utilizzare per venire incontro alle necessità delle studentesse e degli studenti meno abbienti delle scuole del primo e del secondo ciclo e dei Cpia, i Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti.

Le risorse sono così stabilite: 1.6 milioni di euro a favore delle scuole di primo ciclo e per gli istituti omnicomprensivi. 1.2 milioni per le scuole di secondo grado. 68mila euro, invece, a favore dei centri provinciali per l’istruzione degli adulti.

Il contributo, consistente in 800 euro per ciascuna istituzione scolastica, viene assegnato alle istituzioni scolastiche ed educative statali in un’unica soluzione ed è soggetto a monitoraggio e rendicontazione secondo le modalità che saranno definite dalla Direzione generale per i fondi strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale.

In particolare, gli Istituti del primo ciclo individuati per il finanziamento sono 2.114 e potranno acquistare kit didattici  che comprendono quaderni, astucci, diari e supporti digitali. Per  altre 1.539 scuole del secondo sono previste risorse per il  potenziamento della connettività di istituto e degli studenti meno  abbienti. I Cpia (86) potranno acquistare kit didattici e supporto  alla connettività.

La misura va ad aggiungersi alle risorse già stanziate a inizio luglio dal Ministero per garantire il diritto allo studio di studentesse e  studenti delle secondarie di I e II grado in condizioni di svantaggio.

Fondi con cui le  scuole stanno acquistando libri di testo scolastici digitali e/o  cartacei, dizionari, dispositivi digitali, materiali didattici per  ragazzi con Bisogni Educativi Speciali (Bes) o Disturbi Specifici dell’Apprendimento (Dsa).

Le richieste pervenute dagli Istituti  rispetto al budget totale consentiranno di dare libri gratis e  dispositivi digitali a oltre 425 mila alunne e alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

DECRETO (clicca qui)

Il Ministero ha già individuato gli Istituti destinatari, dando priorità a quelli con indici più alti relativi a dispersione scolastica e disagio negli apprendimenti e in base allo status socio-economico della popolazione di riferimento.

RIPARTIZIONE SCUOLE 

(1)

(2)

(3)

Riapertura scuole, tutti i documenti: dai protocolli sicurezza, ai regolamenti d’istituto. Tutto ciò che ti serve. AGGIORNATO

Regolamento per la didattica digitale integrata, MODELLI da scaricare gratuitamente. Le sfide per la tecnologia nell’istruzione

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur