Di Maio: un pezzo alla volta stiamo smantellando la Buona Scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Assolutamente ottimista il Vicepremier Luigi Di Maio sull’emendamento M5S  approvato in Commissione Istruzione e che ora dovrà passare dalla Commissione Bilancio prima di entrare a far parte in maniera strutturale della Legge di Bilancio 2019.

Tempo pieno

La misura, afferma Di Maio, introdurrà il tempo pieno in tutte le scuole primarie italiane. Questi i vantaggi:

  • ampliamento offerta formativa;
  • aiuto alle famiglie i cui genitori lavorano ambedue;
  • introduzione 2000 nuovi posti di lavoro.

Mobilità

Di Maio ha, inoltre, evidenziato che l’introduzione del tempo pieno, aumentando l’organico della primaria di 2000 posti, faciliterà il rientro dei docenti assunti con la Buona Scuola in province lontane da quelle di residenza con tutti i conseguenti disagi del caso.

Il 30% dei nuovi posti della scuola primaria, afferma il Vicepremier, sarà destinato alla mobilità, il resto alle assunzioni.

ci sono molti insegnanti precari al sud – afferma  Di Maio  – che hanno scelto di non aderire alla follia di quell’algoritmo e anche per quelli ci sarà la gran parte dei posti che diventano stabili grazie al tempo pieno.

Il Vicepremier conclude così il suo messaggio “sappiate che siamo al lavoro per aiutare i nostri figli ad avere un’istruzione migliore, per aiutare i genitori che lavorano dalla mattina alla sera e anche per aiutare gli insegnanti che non meritavano una buona scuola, e un pezzo alla volta la stiamo smantellando.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione