Di Maio: “andare avanti approvando ogni punto del contratto”. Cosa è previsto per la scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dopo il discorso di ieri sera del Premier Conte, oggi il VicePremier e Ministro del Lavoro Luigi Di Maio puntualizza ” Nessuna intenzione di tornare indietro, ma di andare avanti.”

E prosegue “Bisogna andare avanti approvando ogni punto del contratto. 
Questo ci chiedono gli italiani e questo faremo!

Ricordiamo cosa ha previsto il Contratto di Governo per la scuola 

  • intervento sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento.
  • Particolare attenzione dovrà essere posta alla questione dei diplomati magistrali e, in generale, al problema del precariato nella scuola dell’infanzia e nella primaria
  • fase transitoria per una revisione del sistema di reclutamento dei docenti
  • superare chiamata diretta
  • stesso insegnante per gli alunni con disabilità per l’intero ciclo
  • formazione continua per i docenti
  • rivedere alternanza scuola lavoro

Tutti cantieri ancora aperti e non ancora conclusi. A partire dalla fase transitoria per il reclutamento dei docenti, per la quale sono in corso le trattative tra sindacati e Miur ma sulla quale il Governo si è impegnato nell’intesa del 24 aprile scorso.

L’attenzione alla scuola è stata inserita nel suo discorso anche dal Premier Conte.

Salvini, obiettivo “superamento della precarietà”

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione