Detrazioni spese sanitarie, quando vi rientrano le cure estetiche

di Patrizia Del Pidio

item-thumbnail

Quando le spese sostenute per interventi o trattamenti di natura estetica possono essere portate in detrazione come spese sanitarie?

Buongiorno, 

in merito a quanto in oggetto,  faccio periodicamente dei trattamenti di natura estetica (tramite tecnica infiltrativa), da un chirurgo che mi rilascia regolare fattura. Desideravo sapere quindi se questi trattamenti estetici sono detraibili ai fino del 730.
Grazie mille
Cordiali saluti
Le spese sostenute per interventi estetici possono essere portate in detrazioni solo se sono volti al recupero della normalità della persona o se sono volti al porre rimedio ad inestetismi che creano disagio psicofisico nella persona; tali inestetismi, però, devono essere o presenti dalla nascita o derivanti da eventi come tumori o incidenti stradali.
Quando l’intervento o il trattamento ha lo scopo solo di migliorare l’aspetto ai fini estetici, quindi, le detrazioni non spettano.
A specificarlo la circolare numero 7\E dell’Agenzia delle Entrate data 27 aprile 2018 nella quale si chiarisce che qualsiasi intervento estetico può essere portato in detrazione soltanto se la sua finalità non è puramente estetica Le prestazioni di chirurgia (o trattamenti) estetica non sono detraibili se non sono volte a rimediare ad inestetismi dovuti a incidenti o malformazioni congenite.
Se i trattamenti cui si sottopone sono volti solo a migliorare il suo aspetto, quindi, le spese sostenute per essi non possono essere portate in detrazione. Se, al contrario, il trattamento deve migliorare un inestetismo che le procura disagio psicofisico, menomazioni derivanti da un incidente o da una malattia, le spese possono essere detratte.
Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: