Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Detrazioni fiscali figli a carico: come si suddividono tra genitori non sposati?

Stampa

Come si suddividono le detrazioni per i figli a carico in caso di genitori naturali non conviventi?

Gentili Sigg.,

non so se debba essere iscritto a qualche servizio per usufruire di un vostro parere e nel caso vi invito ad informarmi nel caso così debba essere.

La mia situazione è la seguente :

-exconvivente, separato da 2 anni;

-3 figli di 3, 4 e 10 anni;

-i figli tre giorni su 7 con me;

-sia io che la mia ex compagna lavoriamo, lei part-time e stipendio medio mensile di circa 1000euro; io turni e stipendio medio mensile di circa 1200euro;

-lei percepisce assegni familiari mensili per circa 400euro;

-io passo ai miei figli un mantenimento mensile di 500-600euro;

-al netto delle spese di circa 180 euro tra auto e dentista, di 350euro per l’affitto e di 500 euro minimo sempre passati di mantenimento per i figli, 80euro mensili di benzina, quando va bene mi restano circa 200euro mensili da spendere in cibo e bollette……

Vorrei sapere se gli assegni familiari da lei percepiti siano cumulabili con le detrazioni d’imposta e se al di là di accordi che potrebbero intercorrere tra noi, tali detrazioni dovrebbero spettare solo a lei al 100% o se fosse più conveniente che fossi io a richiederle.

Vi ringrazio e resto in attesa di vostre notizie.

Le detrazioni fiscale per i figli a carico spettano ad entrambi i genitori. Indipendentemente da quale dei due percepisce gli assegni al nucleo familiare.

Le detrazioni spettanti per ogni figlio a carico sono di:

  • 950 euro per ogni figlio di età superiore ai 3 anni
  • 1220 euro per ogni figlio con età inferiore a 3 anni.

Ai genitori coniugati le detrazioni spettano, secondo la regola generale, spettano al 50% per ogni genitore ma si può scegliere anche che ne possa fruire soltanto uno dei due nella misura del 100%.

Se i genitori sono legalmente separati, invece,  in mancanza di accordi spettano al genitore affidatario al 100%, ma in caso di affidamento congiunto spettano nella misura del 50% ciascuno.

In caso di genitori naturali, come siete voi, si applicano le regole dei genitori coniugati in caso l’affidamento dei figli sia congiunto e quelle dei genitori separati solo in caso di affidamento esclusivo.

Nel vostro caso, da quel che scrive, l’affidamento dei figli è congiunto vivendo parte della settimana con la mamma e parte con il papà ed in questo caso la detrazione spettante per i figli a carico spetta nella misura del 50% per ciascuno dei genitori.

 

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia