Destinare l’otto per mille per l’edilizia scolastica

di redazione
ipsef

red – In Italia solo il 46 per cento delle scuole ha il certificato di agibilità statica, contro il 98 per cento della Germania, il deputato del PD De Pasquale ha presentato una interrogazione alla VII commissione cultura con la quale chiede l’otto per mille destinato all’edilizia scolastica.

red – In Italia solo il 46 per cento delle scuole ha il certificato di agibilità statica, contro il 98 per cento della Germania, il deputato del PD De Pasquale ha presentato una interrogazione alla VII commissione cultura con la quale chiede l’otto per mille destinato all’edilizia scolastica.

La riflessione parte dall’ultimo rapporto di Legambiente per la messa in sicurezza degli istituti scolastici («Ecosistema Scuola») dalla quale emergono dati sconfortanti: il 36 per cento degli edifici, infatti, ha bisogno di interventi di manutenzione urgenti; il 50 per cento è in aree a rischio sismico, mentre meno del 50 per cento degli edifici possiede il certificato di collaudo statico e solo il 10,14 per cento è costruito secondo criteri antisismici; il 9 per cento è a rischio idrogeologico; la certificazione di prevenzione incendi è presente solo nel 35,4 per cento e le scale di sicurezza sono presenti in poco più del 50 per cento.

Inoltre, da un recente studio della KRLS Network of Business Ethics, emerge che in Italia solo il 46 per cento delle scuole ha il certificato di agibilità statica, contro il 98 per cento della Germania, il 93 per cento della Francia, il 92 per cento dell’Inghilterra, l’89 per cento della Spagna, il 77 per cento della Polonia, il 71 per cento del Portogallo, il 64 per cento della Romania, il 58 per cento della Bulgaria e il 53 per cento dell’Albania che chiude la classifica.

Pertanto chiede la possibilità di destinare una quota fiscale dell’otto per mille all’edilizia scolastica, così come specificato in premessa al fine di reperire risorse aggiuntive necessarie ad avviare un piano straordinario per la manutenzione, la messa in sicurezza degli edifici scolastici e l’edilizia di nuove scuole, intervenendo anche sui vincoli imposti dal patto di stabilità, allentandoli nei confronti dei comuni che vogliono intervenire per la messa in sicurezza degli edifici scolastici e l’edificazione di nuove strutture scolastiche.

Versione stampabile
anief
soloformazione