Dematerializzazione e digitalizzazione nella scuola! A che punto siamo!

Stampa

A fine anno scolastico, torniamo in Argo Software, azienda leader nel settore del gestionale per la scuola, e chiediamo quali sono state e quali saranno le significative novità del mondo scuola. L’intervista inizia con una disamina sullo stato di avanzamento della digitalizzazione nelle scuole d’Italia, con particolare riferimento all’uso del registro elettronico.

A fine anno scolastico, torniamo in Argo Software, azienda leader nel settore del gestionale per la scuola, e chiediamo quali sono state e quali saranno le significative novità del mondo scuola. L’intervista inizia con una disamina sullo stato di avanzamento della digitalizzazione nelle scuole d’Italia, con particolare riferimento all’uso del registro elettronico.

Il punto di vista del Presidente della Argo Software: Prof. Lorenzo Lo Presti

“Direi che ormai il registro è fondamentalmente elettronico! Il sistema normativo italiano, anche quest’anno scolastico, ha spinto molto la Pubblica Amministrazione ad implementare sistemi e strumenti in grado di dematerializzare “trasformando sempre piu’ la carta in formato elettronico” e producendo i documenti direttamente su formato digitale.

Su circa 4.800 scuole clienti Argo in Italia più della metà ormai ha adottato il registro elettronico integrato in Argo ScuolaNext e gran parte dei docenti ha scelto di utilizzare anche l’APP Didup. L’APP Didup è stata davvero molto apprezzata da tutte le scuole! Non solo per semplicità d'uso, ma anche per la possibilità di lavorare sul registro in assenza di rete (OFF-line) e, soprattutto, per la completa accessibilità. Non è un caso che anche dalla Presidenza Nazionale dell’U.I.C.I. siano arrivati grandi apprezzamenti” .

A proposito di accessibilità ed usabilità della applicazione Argo Didup, abbiamo intervistato il Prof. Ricotta, docente disabile visivo del Liceo Classico Statale "Paolo Sarpi" di Bergamo, utilizzatore di Didup dal suo esordio, nonché membro della Commissione OSI.

Professore, ci racconti la sua esperienza con DIDUP! Lei come si è trovato? Come ha compilato i suoi registri e con quale supporto: pc, tablet?

Fin dal primo giorno di utilizzo, ho trovato l'applicativo Didup una soluzione efficace per le mie esigenze di docente, inquanto si presenta con un'interfaccia semplice e intuitiva. Grazie a Didup ho raggiunto l'importante obiettivo della compilazione del registro di classe in tempo reale, poichè la semplicità della sua interfaccia mi consente di compiere velocemente le procedure giornaliere (inserimento assenze, ritardi, attività e valutazioni). Fino ad ora ho utilizzato Argo Didup mediante i computers della scuola, tuttavia il prossimo anno scolastico desidero compilare il registro elettronico con il mio iPad.

 E’ noto che per molti docenti, benchè privi di disabilità visive, l’introduzione del registro elettronico non ha sempre trovato grandi entusiasmi, soprattutto da parte di quei professori poco avvezzi all’uso della tecnologia che hanno vissuto come “una sorta di handicap” dover usare un registro elettronico. Si può dire il contrario per i docenti con disabilità visiva? E' stata rimossa con Didup una "barriera architettonica"?

Applicativi come Argo Didup hanno consentito ai docenti disabili visivi di superare quella barriera insormontabile che li separava dai cosiddetti normodotati. Difatti, quando si utilizzavano i registri cartacei, il docente non vedente era costretto a ricorrere all'aiuto di persone vedenti per la compilazione degli stessi: io, ad esempio, per la compilazione del registro di classe, mi facevo aiutare da uno studente, mentre per la compilazione del registro personale ricorrevo all'aiuto di un familiare. Ho ragione di ritenere che la situazione diventasse più problematica per i non vedenti che non avevano la fortuna di poter ricorrere all'aiuto di amici o parenti. Come è ormai noto, il non  vedente utilizza il computer mediante uno screenreader, un software che fornisce tramite sintesi vocale e/o barra braille il riscontro di quanto appare sullo schermo. Argo Didup si presenta con un'interfaccia accessibile ai programmi di lettura dello schermo, dando al non vedente la possibilità di lavorare in modo addirittura più efficiente rispetto a colleghi normodotati magari poco avvezzi all'uso della tecnologia.

Torniamo alla Argo, e chiediamo al Direttore Commerciale – Gabriella Mancino – cosa hanno in cantiere per il prossimo anno scolastico! Quali sono le soluzioni innovative in termini di dematerializzazione e digitalizzazione per la Scuola?

 “Il denominatore comune di tutte le novità per il nuovo anno scolastico è un binomio digitalizzazione-semplificazione! Avremo nuove App, nuove soluzioni web e soprattutto
un’evoluzione dell’attuale gestionale ARGO GECODOC: l’applicativo per la gestione dei flussi documentali, dematerializzazone e conservazione. Siamo convinti che la digitalizzazione possa apportare straordinari benefici nelle scuole, in termini di velocità operativa, fruibilità dei dati, condivisione delle informazioni e soprattutto possa snellire il lavoro ma, siamo consapevoli che è un processo di cambiamento delicato che richiede formazione ed affiancamento degli utenti. Facciamo, da ben 25 anni, del nostro meglio e stiamo ottimizzando al massimo le economie di scala senza penalizzare: qualità, sicurezza, innovazione. Purtroppo, da diversi anni, i bilanci delle scuole sono seriamente in sofferenza, questo richiede da parte delle aziende un duplice sforzo: creare soluzioni ad hoc ottimizzando il piu’ possibile le spese di produzione e manutenzione per contenere i prezzi delle soluzioni! Mi consenta una battuta: “manca la carta” in ogni senso, non possiamo non tenerne conto”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur