Deleghe al Sottosegretario Giuliano: dalla classi di concorso all’inclusione, dalla formazione al PNSD

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del 24 settembre 2018, tramite il quale sono state attribuite le deleghe dal Sottosegretario al Miur, Salvatore Giuliano.

Come si legge nell’articolo 2 del Decreto, al Sottosegretario sono assegnate le seguenti deleghe:

  • semplificazione e supporto all’attivita’ delle istituzioni scolastiche autonome;
  • organizzazione generale dell’istruzione scolastica, ordinamenti relativi al sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita sino a sei anni, compresa la scuola dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e del secondo ciclo di istruzione e formazione, curriculi, valutazione e certificazione degli
    apprendimenti e delle competenze;
  • classi di concorso, abilitazione all’insegnamento, reclutamento e formazione iniziale del personale scolastico;
  • status dello studente nel sistema scolastico;
  • definizione delle modalità di inclusione scolastica e dei servizi per l’integrazione degli studenti con bisogni educativi speciali, con DSA, in situazione disabilita’, di ospedalizzazione e di assistenza domiciliare, nonche’ degli studenti stranieri;
  • valorizzazione dell’autonomia scolastica;
  • stato giuridico dei dirigenti scolastici e del personale docente della scuola;
  •  formazione dei dirigenti scolastici;
  • piano nazionale di formazione per il personale docente
  • formazione del personale ATA;
  • assetto complessivo e indirizzi per la valutazione dell’intero sistema formativo, valutazione e valorizzazione del personale scolastico;
  • monitoraggio e implementazione dell’anagrafe degli studenti, del curriculum dello studente e dell’identita’ digitale;
  • educazione alla sicurezza stradale, educazione ambientale, educazione alla legalita’, educazione alla salute nella scuola;
  • istruzione post-secondaria (istituti tecnici superiori);
  • istruzione degli adulti (CPIA) e apprendimento permanente;
  • istruzione tecnica e professionale e rapporti con i sistemi formativi delle Regioni;
  • monitoraggio e coordinamento delle attivita’ legate al progetto «Carta dello studente»;
  • tematiche relative al rapporto tra titoli di studio e accesso al lavoro e alle professioni;
  • percorsi di alternanza scuola-lavoro, compresi i rapporti con i soggetti presso i quali sono svolti, nonche’ con le Regioni, le associazioni imprenditoriali e le Camere di commercio;
  • azioni di contrasto alla dispersione scolastica;
  • promozione della cultura scientifica, anche attraverso il Comitato per lo sviluppo della cultura scientifica e tecnologica;
  • orientamento allo studio, a fine del I e del II ciclo, e alla scelta professionale, in raccordo con il sistema della formazione superiore;
  • diritto allo studio e servizi alle famiglie;
  • criteri e parametri per l’attuazione delle politiche sociali nella scuola;
  •  indirizzi per l’organizzazione dei servizi nel territorio al fine di garantire livelli di prestazioni uniformi su tutto il territorio nazionale;
  • valutazione dell’efficienza dell’erogazione dei servizi nel territorio;
  •  interventi a sostegno delle aree disagiate e per il riequilibrio territoriale della qualita’ del servizio scolastico ed educativo;
  • ricerca e sperimentazione delle innovazioni funzionali alle esigenze del sistema di istruzione e Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD);
  • rapporti con le Regioni nelle materie oggetto di delega;
  • relazioni internazionali e definizione di protocolli in materia di istruzione scolastica; promozione del sistema educativo di istruzione e di formazione;
  • questioni specifiche di volta in volta individuate dal Ministro nell’ambito delle materie di competenza del Ministero.

Oltre a quanto suddetto, il Sottosegretario  è delegato, in caso di impedimento del Ministro e sulla base delle indicazioni dello stesso, a intervenire presso le Camere per lo svolgimento di interrogazioni a risposta orale e per ogni altro intervento che si renda necessario nel corso dei lavori parlamentari.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione