Definì somari gli alunni, rischia un mese di reclusione

Un anno di reclusione, è quanto chiesto dall’accusa per la docente che definì somari gli alunni.

L’accusa è di “abuso di mezzi di correzione” per la professoressa che era solita dividere gli alunni in bravi e “somari” e, secondo le accuse, aveva costretto una studentessa a voltare il banco verso la parete.

A chiederne la condanna davanti al Tribunale è stata oggi il pubblico ministero.

Il processo proseguirà l’11 ottobre con le arringhe della parte civile e della difesa e la pronuncia della sentenza da parte della giudice

Gli avvocati della professoressa hanno negato in aula che la loro assistita abbia mai avuto un comportamento simile.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia