Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Deduzione riscatto Laurea, cosa accade se si cambia settore di lavoro?

WhatsApp
Telegram

Deduzione riscatto laurea: non esiste una cifra limite da porte portare in deduzione ma sono necessari dei chiarimenti sulla capienza fiscale.

Per chi riscatta la propria Laurea sono previste delle agevolazioni fiscali. Trattandosi di contributi riscattati, infatti, è possibile portare in deduzione, seguendo il principio di cassa, dal proprio reddito l’onere sostenuto. Rispondiamo a qualche dubbio di un nostro lettore che ci scrive:

Buongiorno,
ho letto il vostro articolo https://www.orizzontescuola.it/deduzione-riscatto-laurea-cosa-cambia-se-si-paga-ratealmente-o-in-unica-soluzione/ ma ho ancora dei dubbi:
– potranno cambiare le regole e non poter più dedurre in futuro?
– dovessi cambiare gestione (da dip privato a dip pubblico) perdo la deducibilità?
– fiscalmente con un reddito di 100000 lordo quanto conviene dedurre al massimo all’anno?

grazie per il vostro aiuto

Deduzione riscatto Laurea e chiarimenti

Appare assai improbabile che cambino le regole della deduzione/detrazione per i contributi da riscatto. Si tratta di una normativa che regola, infatti, il pagamento dei contributi e che è in vigore, ormai, da diverso tempo.

Per rispondere alla sua seconda domanda la deduzione fiscale è riferita alle tasse che si pagano su reddito e, quindi, poco importa la gestione di appartenenze. Ad essere deducibile è l’onere sostenuto, a prescindere dalla cassa previdenziale di appartenenze. Se anche, quindi, dovesse passare dalla gestione dei lavoratori dipendenti del settore privato a quella per i dipendenti pubblici non perderebbe il diritto alla deduzione spettante.

Per quanto riguarda la sua ultima domanda non esiste una cifra limite di convenienza. Nel senso che la deduzione va ad incidere direttamente sul reddito complessivo su cui calcolare le tasse e, quindi, abbassa la base imponibile su cui calcolare l’IRPEF dovuta. Importante, in questo caso è la capienza fiscale. Se, ad esempio, si sostiene un onere di 30.000 euro e si ha un reddito imponibile di 20.000 euro si potranno portare in deduzione solo 20.000 perdendo la possibilità di dedurre i restanti 10.000 dell’onere sostenuto.

Le consiglio, in ogni caso, di rivolgersi ad un CAF per farsi consigliare in tal senso e non perdere parte della deduzione spettante, nel caso decidesse di sostenere un onere che supera il suo reddito imponibile.

 

 

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur