Decreto sostegni bis in Gazzetta Ufficiale, cosa cambia per la scuola [con VIDEO GUIDA]

Stampa
Gazzetta Ufficiale

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto sostegni bis, approvato in via definitiva al Senato pochi giorni fa. Ecco il testo e le misure che riguardano la scuola.

Procedura concorsuale straordinaria da oltre 10mila posti

Dopo una lunga trattativa tra le forze di maggioranza, è stato dato il via libera ad una procedura concorsuale straordinaria per l’assunzione di insegnanti precari. Secondo alcune stime si tratta di circa 10 mila docenti.

Il bando prevede che possano partecipare precari con un certo numero di anni di servizio, che vi sia un percorso di formazione e una prova conclusiva. Al termine del percorso, si legge nel provvedimento, “il candidato è assunto a tempo indeterminato dal primo settembre 2022”.

Il bando determinerà altresì il contributo di segreteria posto a carico dei partecipanti tale da coprire integralmente l’onere della procedura concorsuale. Ciascun candidato può partecipare alla predetta procedura in un’unica regione, per la classe di concorso per la quale sia stata maturata almeno una annualità di servizio specifico. Le graduatorie di merito regionali sono predisposte sulla base dei titoli posseduti e del punteggio conseguito in una prova disciplinare che dovrà tenersi entro il 31 dicembre 2021 da definirsi con decreto del Ministero dell’Istruzione.

Nel limite dei posti, i candidati collocati in posizione utile in graduatoria partecipano, con oneri a proprio carico, ad un percorso di formazione, anche in collaborazione con le università, che ne integra le competenze professionali e che prevede una prova conclusiva secondo modalità definite con decreto del Ministero dell’Istruzione. In caso di positiva valutazione del percorso di formazione e della prova conclusiva il candidato è assunto a tempo indeterminato dal 1° settembre 2022 sui suddetti posti vacanti e indisponibili che vengono resi indisponibili per le operazioni di mobilità e immissione in ruolo. Nel corso dell’anno scolastico 2022\23 i docenti assunti svolgono altresì il percorso annuale di formazione iniziale e prova.

Le graduatorie di merito regionali decadono con l’immissione in ruolo dei vincitori.

Il percorso annuale di formazione iniziale e prova è seguito da una prova disciplinare e metodologico-didattica; detta prova è superata dai candidati che raggiungono una soglia di idoneità ed è valutata da una commissione esterna all’istituzione scolastica di servizio. I candidati che superano la prova disciplinare e metodologico-didattica sono sottoposti alla valutazione di cui all’articolo 1, comma 117, della legge 13 luglio 2015, n. 107.

Decreto Sostegni bis, Azzolina: “Approvata una ‘sanatoria’. A settembre in cattedra docenti già bocciati ai concorsi”

Nuovo concorso straordinario entro il 31 dicembre 2021 per docenti con tre anni di servizio. Emendamento approvato [TESTO]

Via libera alla stabilizzazione dei docenti di sostegno

In commissione è stato approvato anche un emendamento per la stabilizzazione di altrettanti insegnanti di sostegno. In questo caso, la norma comprende tutti coloro che siano specializzati sul sostegno entro il 31 luglio 2021 e dunque anche coloro che si stiano specializzando.

In sostanza, potrà entrare in ruolo anche chi sta terminando ora la formazione. I docenti verranno assunti a partire dal prossimo anno scolastico a tempo determinato e, dopo l’anno di prova e la relativa valutazione finale (stabilita dal Ministero con specifico provvedimento), a tempo indeterminato.

Assunzioni da GPS, come cambiano. Per 11mila docenti di sostegno contratto a tempo determinato, anno di prova e valutazione finale per il ruolo. TESTO Emendamento M5S

Precari di sostegno assunti senza servizio: un passo avanti ma l’emergenza resta. Le cattedre in deroga sono 40 mila

Organico Covid fino al 30 dicembre 2021

Sul piatto, inoltre, sono stati messi 400 milioni per assunzioni, a tempo determinato fino al 30 dicembre 2021, di docenti e Ata nelle scuole.

Organico Covid, c’è il via libera all’emendamento: 400 milioni per assunzioni di docenti e Ata fino al 30 dicembre 2021

30% dei posti disponibili destinati ai precari nei concorsi

Ancora in tema di precari, un emendamento ha stabilito che, per quanto riguarda i precari, il 30% dei posti disponibili nei concorsi sia riservato a questa platea.

Precario con tre anni di servizio, 30% di riserva posti nei concorsi a cattedra. Ma non per tutti: via libera all’emendamento

Chi non supera un concorso può ritentare il successivo

Superata l’odiosa norma inserita nel testo base del Decreto Sostegni bis che impediva ai docenti che non superassero un concorso di iscriversi al successivo. Un apposito emendamento ha ripristinato il diritto di accedere liberamente ai concorsi.

Concorso docenti, chi non lo supera può riprovare in seguito: approvato emendamento al decreto sostegni bis

10 milioni in più per gli istituti paritari per l’infanzia

Nel pacchetto scuola licenziato venerdì figura inoltre un fondo di 10 milioni per gli istituti paritari per l’infanzia. Gli aiuti vanno ad aggiungersi ai 350 milioni già stanziati per le scuole statali ed ai 50 milioni investiti per le scuole paritarie primarie e secondarie.

Concorso straordinario per l’abilitazione entro il 15 dicembre

Il concorso straordinario per l’abilitazione, bandito lo scorso 21 aprile e finalizzato all’accesso ai percorsi abilitanti, dovrà essere avviato entro e non oltre il 15 dicembre 2021 , in modo che il titolo conseguito sia già idoneo per le operazioni di mobilità dei docenti per l’anno scolastico 2022/2023

Decreto Sostegni bis, via libera a 10 milioni di euro per le scuole dell’infanzia paritarie

Concorso dirigente tecnico, due prove scritte e un orale

Via libera anche al concorso per dirigente tecnico. Prevista una quota riservata ai soggetti che abbiano ottenuto l’incarico e svolto le funzioni di dirigente tecnico per almeno 3 anni.  L’esame si svolge con due prove scritte e una prova orale.

TESTO IN GAZZETTA UFFICIALE

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”