Decreto scuola, UIL: inserire anno in corso e servizio misto, diplomati magistrale, cambio provincia GaE per ruolo, assistenti amministrativi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Decreto scuola, UIL in audizione ha posto l’accento sui punti delle intese sottoscritte con il Governo e disattese dal Decreto Scuola pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 ottobre 2019. 

Questa mattina la UIL Scuola, nel corso di una audizione informale presso le Commissioni riunite VII (Cultura , scienze e istruzione) e XI (Lavoro) della Camera dei Deputati, ha presentato una memoria sul Disegno di Legge recante misure di straordinaria necessità e urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti.

La UIL Scuola pur apprezzando l’opportunità per l’ audizione informale, ha evidenziato che il Governo ha disatteso gli impegni assunti, prima quelli di Palazzo Chigi, dell’ aprile scorso sottoscritti dal Presidente Conte e dell’ accordo del 1° ottobre sottoscritti con il Ministro dell’Istruzione.

“L’esperienza è un valore aggiunto insostituibile, bisogna valorizzare il precariato per far funzionare le scuole”…è una dichiarazione proprio dei parlamentari di questo Governo…Non una sanatoria ma la valorizzazione di esperienze acquisite sul campo da parte di personale che ha insegnato per 6,7,8 anni mettendo a disposizione della scuola la propria professionalità a servizio della scuola italiana”…

La UIL Scuola non condivide appieno i contenuti del DL e in particolare:

  1. l’esclusione dal concorso straordinario degli Assistenti amministrativi Facenti Funzioni con almeno tre anni di servizio senza titolo specifico
  2. l’impossibilità, per il personale iscritto nelle GAE, di scegliere, su base volontaria, una Regione/Provincia diversa da quella della propria graduatoria nella quale essere immessi in ruolo sui posti che rimarranno vacanti e disponibili a settembre 2020, dopo lo scorrimento delle graduatorie del territorio in questione

Inoltre ha chiesto di risolvere il problema relativo ai “Diplomati magistrali” con il mantenimento in servizio fino al termine dell’anno scolastico in corso e di riconoscere, ai fini del requisito necessario per la partecipazione alle procedure concorsuali straordinarie per i 24.000 posti, anche il servizio dei docenti con nomina annuale nel corrente anno scolastico (2019-20), eventualmente anche ai soli fini abilitanti.

A margine dell’audizione la UIL Scuola ha sollevato anche il problema del contenzioso relativo al concorso dei Dirigenti Scolastici, sia per coloro che sono stati ammessi e sono in attesa di conoscere le determinazioni Giurisdizionali, sia per coloro che hanno denunciato le gravi irregolarità.

Dare risposte politiche è necessario senza relegare alla magistratura la risoluzione dei problemi della scuola rappresenterebbe una grande assunzione di responsabilità da parte di chi ci Governa il cui obiettivo dovrebbe essere quello di UNIRE e non di dividere.

Per la UIL Scuola hanno partecipato Giuseppe D’Aprile e Rosa Cirillo.

Il testo della memoria UIL Scuola

Intervento di Giuseppe D’Aprile: da min. 35:46 a min. 43:19

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione