Decreto scuola. Tutti i provvedimenti e i nostri approfondimenti: dalle immissioni in ruolo ai dirigenti, dalla formazione dei docenti agli studenti

di
ipsef

red – Un Decreto che affronta molti argomenti, che mostra molte sfaccettature e che ha già aperto a polemiche e dibattiti. Vi proponiamo, partendo dal comunicato del Ministero, tutti i nostri approfondimenti, nonché gli interventi politici e sindacali sull’argomento. Buona lettura.

red – Un Decreto che affronta molti argomenti, che mostra molte sfaccettature e che ha già aperto a polemiche e dibattiti. Vi proponiamo, partendo dal comunicato del Ministero, tutti i nostri approfondimenti, nonché gli interventi politici e sindacali sull’argomento. Buona lettura.

Comunicato ufficiale del Minsitero 

Via libera in Consiglio dei ministri al pacchetto di misure dal titolo “L’Istruzione riparte” proposto dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza. Il decreto punta a garantire un avvio sereno del nuovo anno scolastico e accademico. Ma anche a gettare le basi per la scuola e l’università del futuro, restituendo ai settori della formazione centralità e risorse. 

Sono previsti interventi sul personale scolastico (dai dirigenti, ai docenti di sostegno), sui libri di testo (nell’ottica di un maggiore risparmio, ma anche dell’innovazione), misure a favore del welfare studentesco (borse per trasporti e mensa, accesso al wireless a scuola). Centrali anche la lotta alla dispersione scolastica, la formazione dei docenti, il potenziamento e l’innovazione dell’offerta formativa e il rilancio dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica.

Per gli studenti e le famiglie


Welfare dello studente:

  • 100 milioni per aumentare il Fondo per le borse di studio degli studenti universitari a partire dal 2014 e per gli anni successivi. Lo stanziamento è dunque consolidato e non temporaneo.
  • 15 milioni vengono stanziati per il 2014 per garantire ai capaci e meritevoli ma privi di mezzi il raggiungimento dei più alti livelli di istruzione. I fondi saranno assegnati sulla base di graduatorie regionali e  serviranno per coprire spese di trasporto e ristorazione. Potranno accedere alle erogazioni gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.
  • 15 milioni spendibili subito per la connettività wireless nelle scuole secondarie, con priorità per quelle di secondo grado. Gli studenti potranno accedere a materiali didattici e contenuti digitali in modo rapido e senza costi.
  • 6 milioni per il 2014 per borse di studio destinate agli studenti iscritti alle Istituzioni dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica. Le borse saranno erogate in base alla condizione economica e al merito artistico degli studenti. È prevista una graduatoria nazionale di assegnazione.

Libri di testo:

  • Per quest’anno scolastico gli studenti potranno utilizzare liberamente libri di testo nelle edizioni precedenti, purché conformi alle Indicazioni nazionali.
  • 8 milioni complessivi (2,7 per il 2013 e 5,3 per il 2014) vengono stanziati per finanziare l’acquisto da parte di scuole secondarie (o reti di scuole) di libri di testo e e-book da dare in comodato d’uso agli alunni in situazioni economiche disagiate.
  • Cambiano le regole sui tetti di spesa: d’ora in poi dovranno essere i dirigenti scolastici ad assicurarne il rispetto non approvando le delibere del collegio dei docenti che ne prevedono il superamento.
  • I testi cosiddetti ‘consigliati’ potranno essere richiesti agli studenti solo se avranno carattere di approfondimento o monografico.
  • L’adozione dei testi scolastici diventa facoltativa: i docenti potranno decidere di sostituirli con altri materiali.

Lotta alla dispersione:

  • 15 milioni (3,6 per il 2013, 11,4 per il 2014) per la lotta alla dispersione scolastica. Sarà avviato un Programma di didattica integrativa che contempla il rafforzamento delle competenze di base e metodi didattici individuali e il prolungamento dell’orario per gruppi di alunni nelle realtà in cui è maggiormente presente il fenomeno dell’abbandono e dell’evasione dell’obbligo, con attenzione particolare alla scuola primaria. 

Orientamento degli studenti:

  • 6,6 milioni (1,6 per il 2013 e 5 per il 2014) per potenziare da subito l’orientamento degli studenti della scuola secondaria di secondo grado. Sarà coinvolto nel processo l’intero corpo docente. Le attività eccedenti l’orario obbligatorio saranno opportunamente remunerate. Anche le Camere di commercio e le Agenzie per il lavoro potranno essere coinvolte. L’orientamento dovrà partire già dal quarto anno. Le scuole dovranno inserire le loro proposte in merito sia nel piano dell’offerta formativa che sul proprio sito.

Potenziamento dell’offerta formativa:

  • 13,2 milioni (3,3 per il 2014 e 9,9 per il 2015) per potenziare l’insegnamento della geografia generale ed economica. Un’ora in più negli istituti tecnici e professionali al biennio iniziale.
  • 3 milioni per il 2014 per finanziare progetti didattici nei musei e nei siti di interesse storico, culturale e archeologico. I bandi sono rivolti alle scuole, ma anche alle Università e alle Accademie delle Belle Arti e nelle Fondazioni culturali. Si potranno ottenere anche cofinanziamenti da parte di fondazioni bancarie o enti pubblici/privati o da altri enti che ricevono finanziamenti dal Miur.
  • Detrazioni fiscali al 19% anche per le donazioni a favore di università e istituzioni di Alta formazione artistica. Le donazioni dovranno riguardare innovazione tecnologica, ampliamento dell’offerta formativa, edilizia.
  • Parte del Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa sarà vincolato alla creazione o al rinnovamento di laboratori scientifico-tecnologici che utilizzano materiali innovativi.

Tutela della salute a scuola:

  • Ampliato il divieto di fumo a scuola: viene esteso anche alle aree all’aperto, ad esempio i cortili, che sono di pertinenza degli istituti. Vietato anche l’uso della sigaretta elettronica nei locali chiusi delle scuole.

Per il mondo della scuola

continuità del servizio scolastico:

  • Cambia la procedura di assunzione dei dirigenti scolastici: saranno selezionati annualmente attraverso un corso-concorso di formazione della Scuola Nazionale dell’Amministrazione.
  • Nel frattempo, nelle regioni in cui i precedenti concorsi per dirigenti scolastici non si sono ancora conclusi, per garantire il regolare avvio dell’anno scolastico, saranno assegnati incarichi temporanei di presidenza a reggenti, assistiti da docenti incaricati. Questi ultimi saranno esonerati dall’insegnamento.
  • Sarà definito un piano triennale di immissioni in ruolo del personale docente, educativo ed ATA– Ausiliario tecnico e amministrativo per gli anni scolastici 2014/2016 (69mila docenti e 16mila Ata nel triennio). Il piano terrà conto dei posti vacanti e disponibili in ciascun anno e dei pensionamenti.
  • E’ prevista l’assunzione di 57 dirigenti tecnici (i cosiddetti ispettori) per il sistema della valutazione vincitori dell’ultimo concorso. L’obiettivo è porre rimedio alla scopertura in organico che è di circa l’80%.
  • Si sblocca l’assunzione degli ATA da gennaio 2014.

Docenti di sostegno:

Per garantire la continuità nell’erogazione del servizio scolastico agli alunni disabili, si autorizza l’assunzione a tempo indeterminato di docenti di sostegno (oltre 26.000). Si darà così una risposta stabile a più di 52.000 alunni oggi assistiti da insegnanti che cambiavano da un anno all’altro.

Edilizia scolastica:

Per far fronte alle carenze strutturali delle scuole o per la costruzione di nuovi edifici le Regioni potranno contrarre mutui trentennali, a tassi agevolati, con la Banca Europea per gli Investimenti, la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa, la Cassa depositi o con istituti bancari. Gli oneri di ammortamento saranno a carico dello Stato.

Dimensionamento:

A partire dall’anno scolastico in corso sarà un accordo in Conferenza Unificata, e non lo Stato, a definire i criteri e le modalità del dimensionamento scolastico.

Formazione dei docenti:

10 milioni per il 2014 per la formazione del personale scolastico. In particolare, la norma punta ad un rafforzamento delle competenze digitali degli insegnanti, della formazione in materia di percorsi scuola-lavoro e a potenziare la preparazione degli studenti nelle aree ad alto rischio socio-educativo.
Altri 10 milioni nel 2014 serviranno per l’accesso gratuito del personale docente di ruolo della scuola nei musei statali e nei siti di interesse archeologico, storico e culturale.

Formazione Artistica musicale e coreutica:

3 milioni sono stanziati per il 2014 in favore degli Istituti superiori di Studi Musicali pareggiati al fine di garantire la continuità della didattica e rimediare alle loro difficoltà finanziarie.
Sempre per garantire la continuità didattica, i contratti a tempo determinato dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica (Afam) attivati lo scorso anno accademico possono essere rinnovati per il successivo.

Per il sistema universitario e della Ricerca:

Misure di semplificazione:

Il cosiddetto bonus maturità è abrogato. Una commissione è attualmente al lavoro per definire proposte alternative per la valorizzazione del percorso scolastico.
A partire dall’anno accademico 2013/2014, l’importo dei contratti dei medici specializzandi è determinato a cadenza triennale e non più annuale. L’ammissione alle scuole di specializzazione avverrà sulla base di una graduatoria nazionale.
La durata del permesso di soggiorno degli studenti stranieri è allineata a quella del loro corso di studi o di formazione, nel rispetto della disciplina vigente sulle certificazioni degli studi e dei corsi formativi.

Qualità della ricerca scientifica:

Per valorizzare il merito e l’eccellenza nella ricerca, la quota premiale del fondo di finanziamento degli enti di ricerca (almeno il 7% del Fondo totale) è erogata, in misura prevalente, in base ai risultati ottenuti nel procedimento di valutazione della qualità della ricerca (VQR).
Ricercatori, tecnologi e personale di supporto alla ricerca, per un massimo di 200 unità, potranno essere assunti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia per attività di protezione civile, di sorveglianza sismica e vulcanica, nonché di manutenzione delle reti di monitoraggio.
Sono previste misure per facilitare l’assunzione di ricercatori e tecnologi da parte degli enti di ricerca.

I NOSTRI COMMENTI

26.634 immissioni in ruolo sostegno. Come saranno distribuite tra il 2013 e il 2016
red – Ieri, il Ministro ha annunciato l’approvazione di un profondo cambiamento per quanto riguarda il mondo del sostegno scolastico, con l’approvazione nel Decreto scuola di circa 27mila immissioni in ruolo dal 2013 al 2016. Come saranno distribuiti negli anni? Ve lo anticipiamo.

69mila immissioni in ruolo ma ai neo-assunti lo stipendio dei precari
red – Il primo a lanciare l’allarme, dopo l’euforia di ieri dopo l’approvazione del DL Scuola, è il sindacato Anief, seguito cautamente dalla Cisl Scuola. Nel testo approvato si parla infatti di "invarianza finaziaria", che per diverso tempo bloccherà le buste paga a circa 1.200 euro al mese. Leggi l’articolo

Dirigenti Scolastici, corso – concorso per il reclutamento. Vicari con esonero dall’insegnamento, nomina dei vincitori di concorso anche in corso d’anno
red – Il Decreto Legge approvato oggi nel Consiglio dei Ministri contempla nuove misure per i Dirigenti Scolastici, a partire dal reclutamento, fino alla soluzione dei concorsi precedenti ancora non conclusi. Leggi l’articolo

DL Scuola. Musei gratis sì, ma solo per i docenti di ruolo
Lalla – In attesa di leggere la norma, il comunicato del Ministero lascia esterrefatti per una distinzione tra docenti di ruolo e non (ricordiamo che il precariato di 10 e anche 20 anni non è condizione scelta dal docente!) per l’accesso gratuito a musei e siti di interesse. Come se i precari non si aggiornassero! Leggi l’articolo

Docenti inidonei. Per i Cobas la norma è abrogata, ma il Miur nei comunicati non ne fa cenno
red -"Abrogata la norma della vergogna", titolano oggi i comunicati dei Cobas, in riferimento alla presunta abrogazione della norma che prevedeva il transito automatico dei docenti inidonei nei ruoli amministrativi. Il Ministero però non ne parla, anche se l’autorizzazione delle immissioni in ruolo Ata per gennaio 2014 fa ben sperare. Leggi l’articolo

Nel Decreto scuola, nuove regole per accertamento handicap
red – Oltre alle immissioni in ruolo per i docenti di sostegno, il testo del Decreto scuola approvato ieri modifica le procedure di accertamento dell’handicap, attraverso l’inserimento nella commissione medica di un dirigente o di un docente. Leggi l’articolo

Decreto scuola. Via le norme sulle scuole paritarie. Confindustria esulta
red – Nel Decreto scuola, almeno nelle bozze precedenti l’approvazione, erano previste norme anche per le paritarie, con 4 commi. Che fine hanno fatto? Leggi l’articolo

Dimensionamento scolastico, sarà la Conferenza unificata a decidere
red – Non sarà più un atto unilaterale del Governo l’emanazione dei criteri per il dimensionamento scolastico. Leggi l’articolo

Nel Decreto scuola, anche un impegno per l’educazione motoria
red – Rientrera tra le iniziative volte a contenere la dispersione scolastica con l’apertura delle scuole anche di pomeriggio. Leggi l’articolo

Orientamento nel Decreto scuola. Docenti dovranno utilizzare parte delle 80 ore funzionali. Stanziati 6,5milioni
red – Come anticipato da OrizzonteScuola.it, nella bozza del Decreto in nostro possesso, le attività inerenti i percorsi di orientamento dovranno essere svolte dai docenti utilizzando le ore funzionali. Vai all’articolo

Decreto Scuola, interventi anche per famiglie e studenti: wireless a scuola, libri, dispersione. Scuole aperte anche di pomeriggio
Un consistente numero di articoli del Decreto scuola approvato in CdM riguarda famiglie e studenti. Vediamo i particolari. Leggi l’articolo

I COMMENTI DEL MONDO POLITICO E SINDACALE

Precari uniti contro i tagli. Chiediamo continuità, ci danno contentini!
inviato da Marcella Raiola – Un’elemosina a Scuola e Ricerca (400 milioni a fronte dei quasi 10 miliardi tagliati dal 2008 ad oggi), contrabbandata come riparatoria inversione di tendenza politica e accompagnata da tanta retorica sul binomio Scuola-futuro: questa la sostanza del pacchetto di misure illustrato ieri, con suggestivo e studiato sincronismo rispetto alla riapertura delle scuole, dal premier Letta e dalla ministra Carrozza. Vai all’articolo

Anief. Decreto-legge Scuola: pasticcio del Governo su precari, dimensionamento, dirigenti, sostegno
Anief – Ignorata la giurisprudenza nazionale e comunitaria. Pronta una nuova stagione di ricorsi in tribunale. Per Anief-Confedir è illegittimo assumere un precario a condizione di non pagargli l’anzianità di servizio, confermare i tagli delle scuole autonome cancellati dalla Consulta, escludere dalle nuove procedure concorsuali per dirigente i docenti con servizio pre-ruolo come indicato dal Tar Lazio o esonerare dei docenti per reggere le scuole scoperte mentre non si paga l’indennità di reggenza ai vicari, ritardare la stabilizzazione dell’organico di sostegno. Leggi comunicato

DL Istruzione. M5S: Piano immissioni docenti misura insufficiente
MoVimento 5 Stelle Camera dei Deputati – "Il piano triennale per l’immissione in ruolo di 69 mila insegnanti contenuto nel Dl Istruzione è un proclama di facciata, dal momento che quella cifra è di poco superiore ai pensionamenti previsti nei prossimi tre anni". Leggi il comunicato

Soldi alla scuola? Non ci pare
Il SISA sta seguendo con sgomento il susseguirsi delle notizie che accompagnano il decreto del governo per la scuola. Tutti i telegiornali e i siti dei grandi quotidiani titolano – più o meno – con: “soldi alla scuola”. Tuttavia non ci pare, non ci pare proprio. Anzi. Leggi comunicato

Decreto "L’istruzione riparte", apprezzamento degli insegnanti di Geografia
Il Coordinamento nazionale “SOS Geografia” prende positivamente atto dell’inserimento nel decreto “L’istruzione riparte” ,approvato poche ore fa dal Consiglio dei Ministri, di un’ ora di Geografia Generale ed Economica nei bienni professionali e tecnici. Leggi comunicato

ANDIS. L’istruzione riparte… Speriamo davvero!
Andis  – Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto cosiddetto “L’Istruzione riparte”, proposto dal Ministro dell’Istruzione. Leggi comunicato

Adiconsum: le misure per abbattere il caro-libri un primo passo nella giusta direzione
Ufficio Stampa Adiconsum – Un Decreto ad ampio respiro quello varato oggi dal Consiglio dei Ministri in tema di scuola. Leggi comunicato

Centemero (PDL). Accolte richieste del PDL nel DL Scuola
GB – In una nota Elena Centemero, responsabile nazionale Scuola, Universita’ e Ricerca del PdL, ha commentato l’approvazione del DL Scuola. Leggi il comunicato

Lega Nord. Istituire classi ponte per gli alunni stranieri
GB – Il deputato della Lega Nord Davide Caparini, primo firmatario di una proposta di legge che prevede l’istituzione di classi ponte per gli studenti stranieri, ha commentato il caso della scuola elementare di Costa Volpino (Bg), balzata alle cronache perché tutti i genitori italiani hanno deciso di ritirare l’iscrizione dei loro figli a causa della stragrande maggioranza di stranieri tra gli iscritti, 14 su 21. Leggi il comunicato

Cancellato dal dl scuola il bonus maturità ma non tutti ne sono contenti
GB – Il bonus maturità è stato cancellato, come previsto, dal dl scuola. I sindacati ne sono contenti, gli esclusi dal bonus un po’ meno e promettono ricorsi contro il "paese di pulcinella" che "non tutela i meritevoli". Leggi il comunicato

Gilda degli insegnanti. Bene stabilizzazioni, ora puntiamo agli scatti
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti – ”Il piano triennale di assunzione dei precari e il rafforzamento dell’organico riguardante i docenti di sostegno sono aspetti positivi che corrispondono a nostre storiche richieste e che, dunque, accogliamo con soddisfazione. Leggi il comunicato

FLC CGIL. Decreto scuola: un primo passo per ridare valore all’istruzione
FLC CGIL – Il decreto che comprende norme sulla scuola, sul potenziamento dell’offerta formativa e sul diritto allo studio è un primo passo per invertire le politiche degli ultimi anni che hanno devastato il sistema d’istruzione e ricerca del nostro Paese. Leggi il comunicato

DisAL – Decreto scuola: importante investire. Per i dirigenti, marcia indietro!
DiSAL – In attesa di poter leggere il testo definitivo del decreto scuola, DiSAL apprezza la scelta del Governo di riprendere ad investire sull’istruzione, bene cruciale per lo sviluppo della nazione, anche se questi investimenti riguardano i futuri anni scolastici. Leggi il comunicato

Decreto scuola. Di Menna: "Un impegno che va nella direzione giusta"
Dichiarazione di Massimo Di Menna – Un impegno che va nella direzione giusta nel dare certezza e continuità al lavoro nella scuola, nell’azione didattica e dei servizi – è il commento del segretario generale Massimo Di Menna, dopo il via libera del Consiglio dei ministri al decreto scuola del Governo. Leggi comunicato

CISL Scuola: il decreto per la scuola va nella direzione giusta
Dichiarazione di Francesco Scrima – Attendiamo naturalmente di vedere il testo definitivo, ma se le anticipazioni fossero confermate saremmo certamente di fronte a un buon provvedimento. Non risolutivo di tutti i problemi che si sono via via accumulati nel tempo, ma senz’altro una direzione di marcia giusta. Leggi comunicato

Petraglia (SEL): Non è decreto bacchetta – magica. Mancano provvedimento per inidonei e Quota 96
"Dai toni usati dal premier Letta e dal ministro dell’Istruzione Carrozza, quello appena varato dal Cdm sembra un decreto-bacchetta magica che risolve in un sol colpo tutti i problemi della scuola. ‘Così è se vi pare’ per dirla con Pirandello, ma le risorse stanziate per il fondo istruzione ci sembrano ancora limitate e poco significative perché il governo ha cercato le coperture nell’accisa sugli alcolici, anziché nei tagli alle spese militari". Leggi l’articolo

Galletti: bene risorse ad Alta Formazione Artistica
"Accademie d’arte e conservatori sono un patrimonio esclusivo del nostro Paese, e l’attenzione che il decreto scuola ha riservato al comparto dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica costituisce un segnale positivo per il futuro". Leggi comunicato

Bonus maturità, D’Uva (M5S): Governo segue la nostra proposta

"Sono lieto che oggi il Consiglio dei Ministri abbia deciso di abolire il bonus maturità. È bene ricordare ai cittadini che, quando ancora una misura del genere non era all’ordine del giorno da parte della maggioranza, il MoVimento 5 Stelle aveva già presentato un’interpellanza in data 1º agosto 2013 di cui mi ero fatto promotore". Leggi comunicato

Ferrero (PRC): Piano di immissioni in ruolo concreto solo per insegnanti di sostegno
Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione comunista, e Vito Meloni, responsabile Scuola di Rifondazione comunista, dichiarano: "I 400 milioni annunciati da Letta sono spalmati in tre anni: una miseria a fronte dei quasi 10 miliardi tagliati negli ultimi cinque anni. Il piano di assunzioni ha qualcosa di concreto solo per gli insegnanti di sostegno. Leggi comunicato

Sereni (PD) "Dopo la Cultura, la Scuola; ecco l’Italia che vogliamo"

La vice presidente democratica della Camera dei deputati: "Dopo la Cultura, la Scuola! Lo scrivo con la maiuscola perché Cultura e Scuola sono il passato, il presente e soprattutto il futuro dell’Italia. Questi, per il Partito Democratico, sono i pilastri sui quali poggiamo la nostra idea di Paese”. Leggi articolo

Versione stampabile
anief
soloformazione