Decreto scuola, Pittoni (Lega): zero assunzioni per il prossimo a.s. e 200mila precari

di redazione

item-thumbnail

“Prima conseguenza del via libera al decreto Scuola, saranno le zero assunzioni a tempo indeterminato per il prossimo anno scolastico”

“Peggio: avremo 30 mila precari in più a seguito dei pensionamenti, che porteranno il totale dei supplenti a 200 mila. Il contrario dell’impegno preso su nostra sollecitazione – a parole – anche da esponenti della maggioranza di garantire tutti gli insegnanti titolari in cattedra il prossimo settembre, per affrontare con la dovuta efficacia la crisi pandemica. Ci eravamo illusi che la sinistra avesse ripreso a fare il mestiere per cui era nata: difendere i deboli, come le centinaia di migliaia di precari che hanno dato i loro anni migliori alla scuola e ora rischiano di ritrovarsi ai margini della società per un’interpretazione distorta e semplicistica del “merito”, che somiglia tanto a un dispetto a chi ha osato infastidire il “potere” chiedendo attenzione per la disperazione di chi teme di perdere quella che in molti casi è la sola fonte di sostentamento, in un’età che non offre più grandi alternative, magari con la responsabilità di una famiglia”.

Parole del senatore Mario Pittoni, presidente della commissione Cultura a palazzo Madama e responsabile Istruzione della Lega, intervenuto in dichiarazione di voto sul decreto Scuola.

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione