Decreto scuola, Pittoni (Lega): M5S pronto a concedere abilitazione docenti senza formazione?

Stampa

Decreto scuola: sono giorni molto importanti per la stesura del testo definitivo, che potrebbe essere firmato dal Presidente Mattarella.

Secondo le ultime notizie, confermate dall’ANSA, la mancata previsione di percorsi abilitanti per i docenti delle scuole paritarie (condizione che avrebbe potuto dare adito a numerosi contenziosi) potrebbe essere risolta permettendo la partecipazione al concorso straordinario anche ai docenti che hanno svolto tre anni di servizio nelle scuole paritarie, ma solo ai fini abilitanti, riservando comunque i 24.000 posti a disposizione ai docenti con servizio nella scuola statale.

Non sappiamo se questa sarà la soluzione finale adattata, ma registriamo un commento da parte del Sen. Pittoni  responsabile istruzione Lega e Presidente della VII Commissione Istruzione al Senato.

il Senatore fa accenno al fatto che nella precedente versione del decreto scuola, quella approvata dal consiglio dei ministri il 6 agosto scorso e sulla quale non si trovò l’intesa con il M5S, i docenti delle scuole paritarie avrebbero potuto conseguire l’abilitazione solo dopo aver frequentato un corso di formazione universitario (PAS) con esami in itinere e un esame finale  di abilitazione.

Il concorso straordinario prevede invece un’unica prova con domande a risposta multipla che si intenderà superata dai docenti che conseguiranno 7/10.

Secondo il Senatore, il blocco del PAS a favore di questa soluzione costituirebbe solo uno stop alla Lega ma verrebbe a mancare la formazione dei docenti.

Oggi è previsto un nuovo incontro Miur – sindacati, nel quale si spera si possano concretizzare misure a favore dei docenti precari. Si registra infatti una situazione di stallo, nella quale proliferano solo le supplenze, spesso senza titolo adeguato.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!