Decreto scuola, nuove modalità per assunzioni specializzati sostegno

Stampa

Una nuova modalità per l’ingresso in ruolo degli specializzati sul TFA sostegno: il sottosegretario De Cristofaro lo ribadisce in un messaggio su Facebook.

Al momento è stato presentato un emendamento a firma di Angrisani (M5S), relatrice del Dl Scuola.

Il decreto scuola dovrà essere approvato entro il 7 giugno.

Esso prevede una procedura concorsuale per titoli ed esame orale, su base regionale, finalizzata all’accesso in ruolo su posto di sostegno dei soggetti in possesso del relativo titolo di specializzazione conseguito in Italia ai sensi della normativa vigente.

Al termine delle procedure concorsuali, i candidati saranno graduati sulla base della valutazione dei titoli e di una prova orale selettiva, superata dai candidati che conseguono il punteggio minimo di sette decimi o equivalente, avente per oggetto i programmi vigenti dei corrispondenti concorsi ordinari per titoli ed esami.

La prova orale consisterà in una parte teorica sul programma in una parte pratica relativa alla trattazione di un caso concreto.

Alle predette procedure potranno presentare domanda di partecipazione i soggetti che non risultano già collocati, per i posti di sostegno, in graduatorie preordinate alle immissioni in ruolo.

Ciascun soggetto potrà presentare domanda di partecipazione in una sola regione e per tutte le procedure per cui possiede il relativo titolo di specializzazione.

Ogni due anni, inoltre, per i candidati già collocati nelle graduatorie è previsto l’aggiornamento del punteggio sulla base dei titoli conseguiti tra la data di partecipazione alla procedura e la data dell’aggiornamento.

Da queste graduatorie si attingerà, ai fini dell’immissione in ruolo, in caso di esaurimento delle corrispondenti graduatorie vigenti per le immissioni in ruolo.

Stampa

Acquisisci le indispensabili competenze sulla Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un ciclo formativo tecnico/pratico