Decreto scuola. M5S: non pone fine alla supplentite, non ci sono fondi per gli stipendi, si prorogano appalti per le pulizie

Stampa

“A luglio 2015 pensavamo di avere visto il peggio, con un governo che portava a casa una vergognosa riforma della scuola a colpi di fiducia, e pensavamo di aver esaurito la nostra rabbia e il nostro dolore.

“A luglio 2015 pensavamo di avere visto il peggio, con un governo che portava a casa una vergognosa riforma della scuola a colpi di fiducia, e pensavamo di aver esaurito la nostra rabbia e il nostro dolore.

E invece oggi ci ritroviamo con l'ennesimo voto di fiducia per portare a casa un provvedimento che tenta solo di mettere le ‘pezze' a quella riforma della scuola che sapevamo avrebbe prodotto gli effetti negativi che sta producendo”. Lo afferma la senatrice e capogruppo M5S in Commissione Cultura Michela Montevecchi, annunciando il no del suo gruppo alla fiducia sul decreto scuola-ricerca.

“In realtà con questo provvedimento – continua – si creano altri conflitti, altre discriminazioni ed altri contenziosi: non si pone fine alla supplentite, nè si trovano misure per pagare i supplenti che da mesi non prendono lo stipendio; si creano discriminazioni tra gli studenti portatori di disabilità pur di dare ulteriori risorse alle scuole private e paritarie; e con le ennesime proroghe degli appalti per la pulizia nelle scuole si ignora totalmente la segnalazione a governo e Parlamento del Commissario Anticorruzione Raffaele Cantone, il tutto a testimonianza della prepotenza e della incompetenza di questo governo”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur