Decreto scuola. Ecco i provvedimenti, scheda UIL

Stampa

Il Senato ha approvato, con la fiducia, il decreto legge in "materia di funzionalità del sistema scolastico”. Un voto non definitivo perché manca l'approvazione della Camera, entro il 29 maggio, di un testo che si preannuncia blindato.

Il Senato ha approvato, con la fiducia, il decreto legge in "materia di funzionalità del sistema scolastico”. Un voto non definitivo perché manca l'approvazione della Camera, entro il 29 maggio, di un testo che si preannuncia blindato.

Il decreto presenta alcuni aspetti positivi, altri che pongono fine a palesi ingiustizie come quella degli insegnanti della scuola dell'infanzia – sottolinea Pino Turi, partendo dall'esame dell'articolato – ma contiene anche norme che ci vedono fortemente contrari come il travaso di risorse dalla scuola pubblica a quella privata utilizzando i fondi previsti per la valorizzazione ed il miglioramento di quelle statali.

La Uil Scuola ha effettuato un analisi di dettaglio dell'articolato del decreto, ecco quanto ne deriva.

Sistema integrato 0-6 anni

La modifica apparentemente formale da ‘livelli essenziali' a ‘bisogni standard' è nella sostanza positiva se riesce a mantenere la specificità organizzativa e gestionale del settore 0 – 3 anni di tipo assistenziale da quello di istruzione per i bambini 3-6 anni.

Mai più apprendisti-insegnanti

E' da cogliere positivamente il cambiamento apportato da ‘apprendistato' a ‘ tirocinio'.
Una differenza sostanziale che coglie lo status degli insegnanti che, superato il concorso, svolgono un tirocinio (non fanno apprendistato).

Rifinanziata l'operazione scuole belle

E' la proroga alla soluzione di un problema di finanziamento per i Servizi di pulizia delle scuole che trova la sua giustificazione negli interventi sullo stato degli edifici scolastici del nostro Paese, che non hanno bisogno di interventi di abbellimento, ma di (ri)strutturazioni profonde. La misura che copre assai poco le esigenze concrete delle scuole che necessitano di ben altri interventi strutturali.

Concorsi in ritardo, si posticipano i tempi

In previsione dei ritardi nella conclusione dei concorsi in atto si posticipa al 15 settembre 2015 la possibilità di assunzione a tempo indeterminato con decorrenza economica dalla effettiva presa di servizio.
Questo produrrà anche il posticipo della validità triennale delle graduatorie.

Insegnanti della scuola dell'infanzia: superata l'ingiustizia ma manca l'organico potenziato

L'emendamento introdotto va a porre rimedio alla situazione degli insegnanti della scuola dell'infanzia, che hanno partecipato al concorso del 2012, che sono risultati idonei ma la cui assunzione era stata rinviata all'attuazione della delega per lo 0-6.

Quel che manca è la predisposizione dell'organico potenziato anche per la scuola dell'infanzia che avrebbe potuto aumentare l'offerta formativa in un settore che non riesce neanche a garantire a tutti i bambini dai 3 a 6 anni la frequenza della scuola dell'infanzia.

12, 2 milioni di euro alle paritarie

Risulta piuttosto opaca la procedura con la quale studenti disabili potranno essere inseriti nelle scuole private, dietro erogazione di uno specifico contributo.

Una misura di civiltà viene realizzata nel modo più sbagliato. Per trasferire questi fondi alle scuole private si utilizzano i fondi che la legge 107 destina alla valorizzazione e al miglioramento delle istituzioni scolastiche. Un sistema di travaso inaccettabile.

Supplenti pagati per decreto

In un paese normale chi lavora viene pagato puntualmente. Nel nostro per essere pagati ci vuole un decreto.
Tra le misure inserite c'è, infatti, anche quella legata agli stipendi del personale supplente che dovranno essere erogati entro 30 giorni. Il rispetto dei termini e delle modalità, se vi è la prevista copertura finanziaria, ricade sotto la responsabilità dei dirigenti. Tali adempimenti concorrono alla valutazione dei dirigenti, in caso di inadempimento saranno sanzionati.

Gli istituti tecnici superiori non sono un sistema subalterno all'università.

Il decreto opera una riduzione dei crediti formativi di quanti studiano negli ITS. Una sperequazione che non può essere accettata e che significa indebolire gli ITS rispetto all'Università.
Un comportamento dissociato del Governo che, mentre organizza la conferenza nazionale degli ITS per il prossimo 26 maggio, ne riduce ruolo e peso.
Così mentre in tutti i paesi evoluti esiste un sistema terziario post secondario non universitario, in Italia questo provvedimento contraddice il principio dell'alternanza scuola lavoro e pone l'ITS in un sistema subalterno a quello universitario.

Compensi ai commissari e bonus ai diciottenni extra comunitari

La prima è una misura imposta dall'evidenza dei fatti. Utile ma non sufficiente e che rimedia appena ad una situazione d'emergenza che era stata sottovalutata. La seconda è una misura che risponde a un'esigenza di parità di diritti, anche se restano dubbi sull'efficacia sulla loro utilità complessiva

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur