Decreto scuola, CoNaVinCoS: sì al recupero dei posti Quota 100

di redazione
ipsef

item-thumbnail

CoNaVinCoS Coordinamento Nazionale Vincitori Concorso Scuola (2016) – Plaudiamo e sosteniamo l’iniziativa del Sen. Mario Pittoni che restituirebbe dignità e giustizia ai vincitori del Concorso 2016.

Di fatto i posti liberati da quota 100, già disponibili per le immissioni

nel settembre 2019, in modo inspiegabile, vennero sottratti e destinati alle assegnazioni provvisorie.

Tale abuso ha riportato conseguenze molteplici.

In primis le GM 2016 subivano l’ennesimo sabotaggio, rallentando lo scorrimento in modo sconfortante, impedendo agli aventi diritto, in potenziale posizione utile, di accedere al ruolo.

Il numero risicato di posti disponibili – a seguito delle operazioni di mobilità, dell’impatto degli esuberi sugli organici ed appunto i posti perduti di quota 100 – ha condizionato la scelta delle sedi di coloro che sono stati immessi. In diversi casi, infatti, i candidati hanno accettato ingiustamente una sede fuori provincia, con tutte le implicazioni in termini di disagio familiare, personale ed economico.

Il CoNaVinCos ha più volte rivendicato il diritto all’assegnazione di quei posti, a pochi giorni dall’insediamento del Ministro al dicastero di viale Trastevere, con una lettera aperta a Lui indirizzata, e quando ancora si poteva metter mano con un provvedimento d’urgenza.

In realtà, già nel mese di agosto e con due comunicati (il 5 e il 30), il rappresentante nazionale del noto gruppo fb, prof. Davide Monteleone, denunciava attraverso Orizzontescuola.it, i danni che il “pasticcio di quota 100” avrebbe creato con un “mare di precariato” senza precedenti, danneggiando i docenti per la mancata stabilizzazione e gli alunni per la mancata continuità didattica.

All’appello di accantonare «un numero di posti pari a quelli resi vacanti e disponibili da Quota 100, per attribuirlo […] al personale docente e amministrativo che aveva titolo alla nomina in ruolo già in
relazione all’anno scolastico 2019/20», risponde ad oggi solo questo emendamento.

Per tali ragioni, chiediamo alla parte politica di accogliere l’emendamento nel dibattito parlamentare dei prossimi giorni.

Congiuntamente chiediamo alle parti sindacali di attuare, in sede di contrattazione nazionale, la deroga al vincolo triennale per la mobilità degli immessi in ruolo nel 2019-20, restituendo dignità a tutti gli aventi diritto.

IL COORDINAMENTO NAZIONALE

Immissioni in ruolo 2019, per Pittoni (Lega) ancora possibili sui posti di Quota 100

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione