Decreto scuola alla Camera, Sasso (Lega): rischio licenziamento per 50mila prof

Stampa

Nota del parlamentare della Lega Rossano Sasso, membro della Commissione cultura della Camera dei Deputati e relatore per la Lega sul Decreto Scuola.

“Quello che ci apprestiamo a votare in Aula è un provvedimento che danneggia decine di migliaia di lavoratori della scuola, coinvolgendo tutte le categorie di lavoratori dai docenti agli assistenti amministrativi, dal personale educativo ai dirigenti scolastici, dagli insegnanti di religione ai collaboratori scolastici. Nessuno escluso.

Una avversione ideologica nei confronti dei precari, in special modo degli oltre 50.000 insegnanti di terza fascia, che dopo anni di precariato rischiano di rimanere a casa, a causa della bocciatura di un emendamento della Lega che prevedeva l’istituzione dei p.a.s. (procedura abilitante speciale).

Chi come il M5S fino a ieri ha combattuto contro il PD e la sua legge 107, tristemente nota come legge della “buona scuola”, oggi si siede insieme ai banchi del governo e, incredibilmente, sta riuscendo a fare anche peggio.
Nessun aiuto ai docenti trasferiti illegittimamente dalla buona scuola, nessun aiuto ai docenti c.d. ingabbiati, agli insegnanti di sostegno, nessuno sblocco all’organico del personale educativo.

Nessun aumento dello stipendio ai prof, almeno per ora, ragione questa per cui chiederò al Ministro Fioramonti direttamente in Aula a che punto sono le sue ormai celebri minacce di dimissioni, nel caso in cui non avesse ricevuto 3 miliardi di euro per la scuola.

Un governo che si appresta a mettere per strada decine di migliaia di lavoratori della scuola, perfettamente coerente con la linea della decrescita felice e con il licenziamento di circa 20000 operai a Taranto, non potrà che avere sempre la nostra determinata e dura opposizione.

La scuola decretò la sconfitta di Renzi ieri, il M5S farebbe bene a preoccuparsi seriamente delle conseguenze negative di questo decreto”.

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite