Decreto Scuola, al via l’iter in Commissione Cultura alla Camera. Conversione in legge entro fine luglio

WhatsApp
Telegram

Nella Gazzetta Ufficiale di venerdì 31 maggio è stato pubblicato il D.L. n. 71 del 31 maggio 2024, approvato dal Consiglio dei Ministri, che introduce importanti novità in materia di istruzione e ricerca.

Ecco il decreto in Gazzetta Ufficiale

Il decreto è ora passato alla Camera ed è stato assegnato alla Commissione Cultura che dovrà approvarlo. Dopo l’approvazione dell’aula di Montecitorio il testo passerà al Senato. Il decreto dovrà diventare legge entro 60 giorni, quindi entro la fine di luglio.

Misure per il sostegno didattico per gli alunni con disabilità

Il Capo II del decreto si occupa del sostegno didattico per gli alunni con disabilità.

L’articolo 6 prevede che, oltre ai percorsi TFA, le università, con o senza l’INDIRE, organizzeranno corsi di 30 CFU per consentire ai docenti che hanno insegnato per almeno tre anni su posto di sostegno specifico negli ultimi cinque anni, pur privi di specializzazione, di conseguire il titolo.

I costi, il fabbisogno e l’organizzazione saranno definiti con decreto del Ministero dell’Istruzione e del Merito di concerto con il Ministero dell’Università e della Ricerca. Questa misura sarà valida fino al 31 dicembre 2025.

Riconoscimento specializzazione sostegno conseguita all’estero

L’articolo 7 disciplina i percorsi di specializzazione da 30 CFU per i docenti in possesso di un titolo conseguito all’estero, in attesa di riconoscimento. Potranno accedervi di diritto solo coloro che hanno già presentato domanda di riconoscimento o avviato un contenzioso, rinunciando al contenzioso stesso.

Continuità didattica per i supplenti di sostegno

L’articolo 8 mira a garantire la continuità didattica per gli alunni destinatari di ore di sostegno. Mediante modifica al regolamento delle supplenze, a partire dal prossimo anno scolastico, il supplente dell’anno precedente potrà essere confermato su richiesta della famiglia e con il consenso del dirigente scolastico, se ancora inserito nelle graduatorie utili.

Misure per il regolare avvio dell’a.s. 2024/2025

Il Capo III contiene disposizioni per avviare regolarmente il nuovo anno scolastico. L’articolo 10 riguarda il reclutamento del personale docente. Gli idonei del concorso 2016 iscritti con riserva nelle graduatorie di merito, anche se assunti e poi licenziati, potranno stipulare un contratto a tempo determinato e saranno confermati nei ruoli entro il 30 giugno 2025 se conseguiranno l’abilitazione attraverso i 30 CFU. Saranno inoltre confermati gli idonei del concorso 2020 che hanno superato gli scritti nelle sessioni suppletive.

Infine, l’articolo 14 disciplina la durata del servizio all’estero del personale scolastico, prevedendo proroghe per chi si trova al sesto anno nelle Scuole Europee o al quinto nelle Scuole Italiane all’Estero, a precise condizioni.

Leggi anche

Formazione docenti referenti per il sostegno. Ecco il Decreto in Gazzetta Ufficiale

Percorsi straordinari da 30 CFU per docenti con tre anni di servizio sostegno specifico: fino al 31 dicembre 2025, a cura di Indire. Ecco il Decreto in Gazzetta

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA