Decreto Ristori, oltre 5 milioni di euro per fondo di recupero dei gap formativi degli alunni delle scuole elementari e medie

WhatsApp
Telegram

Il Decreto Ristori si avvia all’arrivo in aula, al Senato, e contiene diverse misure per la scuola. Due, in particolare, sono delle vere e proprie novità.

La prima: la possibilità, per Comuni e Regioni, di stipulare convenzioni con società private di bus e con titolari di licenze taxi e Ncc, in modo da aumentare i mezzi a disposizione del servizio di trasporto pubblico locale, che deve fare i conti con le norme anticovid e, forse già a gennaio, con il rientro in presenza nelle aule.

La seconda: per le scuole medie, corsi extrascolastici in presenza, per sopperire a eventuali carenze formative legate alla didattica a distanza. Ammonta a 5.532.195 di euro per il 2021 il fondo per il recupero dei gap formativi per i bambini delle elementari e i ragazzi delle medie previsto nel decreto Ristori. Le risorse “sono destinate esclusivamente all’attivazione di attività didattiche extracurricolari in presenza, per il riferimento alle istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione, volte anche a sopperire ad eventuali carenze formative conseguenti allo svolgimento dell’attività didattica in forma integrata ovvero a distanza, per il recupero degli insegnamenti curricolari inclusi nel piano triennale dell’offerta formativa”. Sostanzialmente sono fondi per pagare i corsi di recupero per gli alunni che hanno avuto gap formativi con la Didattica a distanza o per coloro che, sempre a causa del Covid, hanno dovuto limitare il loro impegno a scuola.

Le ultime modifiche sono state votate in una seduta notturna dalle commissioni Bilancio e Finanze del Senato, che hanno licenziato il provvedimento. Non ci saranno altre novità. Il provvedimento. arriverà “blindato” prima in Aula a Palazzo Madama e poi a Montecitorio.

TUTTO SUL DECRETO RISTORI

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur