Decreto precari, Turi (Uil): nessuna forza politica si assumerà la responsabilità di bloccarlo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dichiarazione Pino Turi (Uil) – Cosa ne sarà del DL precari in presenza di questa crisi?

Innanzitutto la crisi è annunciata ma non c’è ancora, o si dimette Conte o sarà sfiduciato, solo allora ci sarà la crisi ed interverrà il Capo dello Stato che deciderà.

Tra le molteplici decisioni c’è quella di sciogliere le Camere ed indire nuove elezioni.

Nelle more, a mio parere – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi- il DL precari che è stato deliberato andrà in GU e mandato alle Camere per la conversione.

Il salvo intese può prevedere modifiche al decreto, ma nessuna forza (sic!) politica si assumerà la responsabilità di bloccarlo.

Poi ci sarà il dibattito sulla conversione che può avvenire anche a Camere sciolte.

Si tratta quindi di una battaglia politica che animerà la campagna elettorale.
Noi non staremo a guardare – conclude Turi – diremo la nostra.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione