Decreto Natale, Galli: “Decisioni giuste. Ma andavano prese prima. Potenziare tamponi e trasporti”

Stampa

L’infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli in un’intervista al quotidiano ‘La Stampa’, giudica positiva la stretta del nuovo Decreto Natale ma che sarebbe dovuta arrivare prima.

Gli interventi finalmente sono arrivati e questo va apprezzato. Nelle scorse settimane ho sottolineato più volte la contraddizione tra l’urgenza di rallentare i contagi per evitare la terza ondata e una più che discreta attenzione a facilitare il liberi tutti”, ha detto l’infettivologo.

Decreto Natale: spostamenti, visite ai parenti e multe. Le FAQ del Governo

Le variazioni cromatiche non mi hanno mai esaltato, ma tutto quello che rallenta i contagi va bene. Bisogna riconoscere che la strategia multicolore ha prodotto degli effetti – ha aggiunto Galli – anche se la contrattazione al ribasso tra partiti e regioni ha portato risultati insufficienti, se non faremmo il Natale in rosso”. 

Secondo Galli, infine, è importante mantenere i risultati e quindi non solo raggiungerli: “Resta poi il problema di mantenere i risultati nel tempo e dunque di potenziare l’organizzazione territoriale, i tamponi e i mezzi di trasporto”.

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur