Decreto Natale, Conte: “Decisione sofferta ma necessaria. Temiamo l’impennata dei contagi”

Stampa

Conte illustra le misure del nuovo decreto Natale spiegando le ragioni e le necessità del provvedimento.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte illustra in conferenza stampa le misure del nuovo decreto legge Natale.

Metodo delle zone funziona, da Rt a 1.7 siamo a 0.86 e tutte le regioni saranno presto zona gialla. Ma la situazione rimane grave in tutta Europa, il virus circola ovunque”, dice il presidente del Consiglio, che ha aggiunto: “Anche tra i nostri esperti forte preoccupazione per un’impennata dei contagi nel periodo natalizio. Da Cts rapporto esaustivo che indica pericolo di aggravamento della situazione dato dagli atteggiamenti della popolazione.

Non abbiamo perso tempo nell’agire con queste nuove misure. Noi seguiamo indicazioni del cts e siamo sempre pronti ad intervenire tempestivamente con nuove restrizioni“, puntualizza il presidente del Consiglio.

Dopo il cdm, abbiamo deciso di produrre un decreto legge (questa volta non un dpcm) che tenga conto sia della situazione epidemiologica che dell’importanza delle festività”, ha aggiunto Conte.

Abbiamo già messo a punto tutte le misure di ristoro per le attività coinvolte. I ristori saranno rapidi, direttamente sul conto corrente e sono accompagnati dalla sospensione degli adempimenti fiscali”.

Ringrazio il parlamento per la sua attività volta a rafforzare il regime degli interventi a favore delle categorie coinvolte dalle restrizioni, sia con l’aiuto della maggioranza che dell’opposizione”, prosegue il premier Conte che conclude: “Vediamo la fine di questo incubo, il 27 dicembre sarà Vaccine Day europeo. Certo non risolveremo tutto in un giorno ma nei primi mesi del 2021 con il piano vaccinale chiuderemo questo triste capitolo”.

 

 

DIRETTA | Decreto Natale, c’è il via libera del governo. Conte: “Il virus continua a circolare, occorre intervenire”. Tutte le misure previste

Le misure previste:

Nei giorni 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre 2020, e nei giorni 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio, in tutta Italia saranno in vigore le regole relative alla zona rossa. Si esce solo per lavoro, necessità e salute. Si possono ricevere in casa fino a 2 persone non conviventi (under 14 esclusi).

Nei giorni 28, 29 e 30 dicembre 2020, e nel giorno 4 gennaio 2021, in tutta Italia saranno in vigore invece le regole relative alla zona arancione.

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur