Decreto milleproroghe in G.U., niente congelamento delle graduatorie

di Lalla
ipsef

red – Pubblicato sulla G.U. del 29 dicembre 2010 il decreto milleproroghe n. 225 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie). Contrariamente alle attese, rinforzate dai rumors dei sindacati, il testo non presenta il "congelamento" delle attuali graduatorie ad esaurimento.

red – Pubblicato sulla G.U. del 29 dicembre 2010 il decreto milleproroghe n. 225 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie). Contrariamente alle attese, rinforzate dai rumors dei sindacati, il testo non presenta il "congelamento" delle attuali graduatorie ad esaurimento.

La spiegazione la fornisce il Sole24Ore:

"L’articolo 1 del decreto differisce al 31 marzo 2011 tutti i termini e i regimi giuridici indicati nella tabella in scadenza entro il 15 marzo prossimo, riservando al governo la possibilità di prorogarli ulteriormente fino al 31 dicembre 2011 con un semplice Dpcm.
Un doppio passaggio in cui potrebbe essere incappata, ad esempio, la proroga sull’aggiornamento delle graduatorie dei precari della scuola, il cui aggiornamento avviene succesivamente al primo trimestre dell’anno. Il che non esclude che la proroga possa comunque arrivare successivamente con un futuro provvedimento o anche con un emendamento al nuovo dl 225.

Pertanto il milleproroghe ha prorogato fino a Marzo 2011 le leggi che scadevano il 31 dicembre 2010.

La proroga delle graduatorie ad esaurimento dovrà dunque, se ancora nelle intenzioni politico – sindacali, essere affidata ad un nuovo provvedimento oppure essere contenuta in un emendamento al milleproroghe stesso, come peraltro accadde già lo scorso anno con la proroga del salvaprecari, esteso all’a.s. 2010/11.

Versione stampabile
anief
soloformazione