Decreto legge sulla scuola: novità per i concorsi nel mondo della scuola Più possibilità di accedere al concorso straordinario: inizia subito la tua preparazione con Edises

Stampa

Novità per i concorsi nel mondo della scuola: nel corso dell’esame parlamentare per la conversione in legge del decreto 29 ottobre 2019, n. 126 sono stati introdotte diverse modifiche al testo normativo. Dopo l’esame della Camera dei Deputati (ora il testo è al Senato e dovrà essere convertito in legge entro il 29 dicembre) diverse sono le novità emerse.

Il decreto legge 126/2019 prevede una procedura straordinaria per l’immissione in ruolo di 24.000 docenti nella scuola secondaria di primo e di secondo grado. Al concorso straordinario possono partecipare quanti hanno svolto almeno 3 anni di servizio nella scuola statale. La procedura è inoltre finalizzata all’abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria ai medesimi soggetti, nonché a quelli che hanno svolto almeno tre annualità di servizio nelle scuole paritarie.

Le maglie per la partecipazione al concorso straordinario si fanno dunque più larghe, permettendo ad una platea più ampia di docenti precari di concorrere per l’immissione in ruolo e/o l’abilitazione. In compenso, uno degli emendamenti sembra prefigurare una maggior e severità nella valutazione del colloquio: la commissione incaricata della valutazione, infatti, sarà composta da non meno di due membri esterni (di cui uno dirigente scolastico).

Per la preparazione della parte generale dei programmi concorsuali per l’accesso ai ruoli del personale docente, consigliamo i volumi Edises sulle Avvertenze generali che tratta tutte le tematiche richieste per la parte comune a tute le classi di concorso e i Test commentati sulle Avvertenze Generaliper esercitazioni mirate. Il volume dei test comprende anche un software di simulazione per infinite esercitazioni: prova una demo.

Inoltre, un nuovo articolo aggiunto dalla Camera dei Deputati autorizza il Miur a bandire, per la prima volta dal 2004, un concorso per insegnanti di religione cattolica da assumere sui posti che risulteranno disponibili dall’anno scolastico 2020/2021 al 2022/2023. La selezione dovrà svolgersi entro il 2020.

Stampa