Decreto dignità, addio alla precarietà. Approvato dal Consiglio dei Ministri

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il vice Premier e Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio è autore del testo del Decreto dignità approvato ieri in Consiglio dei Ministri. Ecco i contenuti

Il leader del Movimento 5 Stelle ha spiegato che  “oggi con il decreto dignità iniziamo a smantellare una parte del Jobs act“.

Di Maio ha poi aggiunto che il decreto dignità “è solo un primo passo in avanti” per combattere la precarietà del lavoro, l’obiettivo è quello di “ridurre il costo del lavoro intervenendo sul cuneo fiscale e questo nella Legge di bilancio ci sarà”.

Nel decreto si prevedono ritocchi al redditometro, lo slittamento della scadenza dello spesometro al 28 febbraio (dal 30 settembre) e lo stop allo split payment solo per i professionisti.

Ecco la parte relativa al precariato

Il Decreto, approvato ieri, punta a limitare l’utilizzo dei contratti di lavoro a tempo determinato, favorendo i rapporti a tempo indeterminato. Si riduce in tal modo il lavoro precario, riservando la contrattazione a termine ai casi di reale necessità da parte del datore di lavoro. A questo scopo, si prevede che, fatta salva la possibilità di libera stipulazione tra le parti del primo contratto a tempo determinato, di durata comunque non superiore a 12 mesi di lavoro in assenza di specifiche causali, l’eventuale rinnovo dello stesso sarà possibile esclusivamente a fronte di esigenze temporanee e limitate. In presenza di una di queste condizioni già a partire dal primo contratto sarà possibile apporre un termine comunque non superiore a 24 mesi. Al fine di indirizzare i datori di lavoro verso l’utilizzo di forme contrattuali stabili, inoltre, si prevede l’aumento dello 0,5% del contributo addizionale – attualmente pari all’1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali, a carico del datore di lavoro, per i rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato – in caso di rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione