Decreto Cura Italia approvato, è legge. Misure per l’istruzione: da chiusura scuole a salvaguardia supplenze

Stampa

La Camera ha approvato il decreto Cura Italia con 229 sì, 123 no e 2 astenuti. Montecitorio ha confermato il testo approvato dal Senato, convertendo quindi il decreto in legge. Le misure per la scuola.

Il testo del Decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2020. Scarica PDF

Le misure per la scuola

Ricordiamo le misure per la scuola:

Le scuole restano aperte solo per attività “indifferibili”

Sarà possibile limitare al massimo le aperture degli edifici. La presenza del personale ATA sarà prevista solo nei casi di stretta necessità.

85 milioni per il sostegno alla didattica a distanza

La misura punterà a formare i docenti sulle metodologie e-learning e mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato
d’uso, dispositivi digitali individuali per la fruizione della didattica a distanza nonché per la necessaria connettività di rete.

43,5 milioni per la pulizia straordinaria degli ambienti scolastici al momento del rientro

Il decreto stanzia una somma per l’acquisto di prodotti per l’igiene del personale e degli studenti, nonché per la pulizia delle scuole in vista della riapertura.

Salvaguardia delle supplenze brevi periodo 17 marzo – 3 aprile Fondi per il pagamento delle supplenze temporanee. Possibile nominare altri supplenti

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur