Decreto cultura: darà lavoro a 500 laureati per la digitalizzazione e archiviazione del patrimonio culturale italiano

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Approvato il decreto cultura dal consiglio dei ministri per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Darà lavoro  a tempo determinato a 500 giovani per lo sviluppo della digitalizzazione e della catalogazione del patrimonio culturale del Paese. Saranno selezionati 500 laureati under 35 per un tirocinio di 12 mesi. Il progetto pilota partirà nelle regioni Puglia, Campania, Calabria e Sicilia, con i primi 100 ragazzi.

GB – Approvato il decreto cultura dal consiglio dei ministri per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Darà lavoro  a tempo determinato a 500 giovani per lo sviluppo della digitalizzazione e della catalogazione del patrimonio culturale del Paese. Saranno selezionati 500 laureati under 35 per un tirocinio di 12 mesi. Il progetto pilota partirà nelle regioni Puglia, Campania, Calabria e Sicilia, con i primi 100 ragazzi.

Il decreto cultura prevede il rinnovo della tax credit di 90 milioni di euro a favore del cinema, 5 milioni di euro per promuovere giovani artisti nel campo della musica  e compositori emergenti.

Per Pompei nasce una nuova Soprintendenza speciale, staccata da quella di Napoli e Caserta dove nascerà la nuova Soprintendenza archeologica. Arriva anche un direttore generale del "progetto Pompei".

Inoltre le Fondazioni liriche in crisi potranno accedere a un fondo di 75 milioni di euro, che sarà gestito da un commissario straordinario. Per ricevere i fondi, dovranno presentare entro 90 giorni un piano industriale di risanamento e ridurre fino al 50% il personale tecnico amministrativo.
 

Versione stampabile
soloformazione