Decreto Agosto, presentati al Senato gli emendamenti. Richieste Anief: Dsga, diplomati magistrale, sostegno

Stampa

Anief – Sui passaggi verticali per i facenti funzione DSGA, il contenzioso avverso il concorso DS, i posti in organico di sostegno e l’ammissione ai corsi di specializzazione per i docenti precari senza titolo, contro il vincolo di permanenza nella mobilità, sulla tutela dei diplomati magistrale licenziati. Alcuni rimangono tra i segnalati dai partiti.

Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Aspettiamo che il Governo modifichi nel maxi emendamento alcune norme, bisogna intervenire sul trasferimento e il reclutamento del personale scolastico nonché sugli organici e il dimensionamento. Nel frattempo, prosegue, in Commissione Bilancio, l’esame del ddl n. 1925, di conversione del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia (decreto agosto); il Governo il 22 settembre ha presentato l’emendamento 21.0.500, che propone di trasporre in questo ddl i decreti-legge n. 103, 111 e 117. Il provvedimento è calendarizzato in Aula dal 5 ottobre.

Continua in Senato l’iter sul rilancio economico del paese attraverso il Ddl 1925. Il Capo IV, nello specifico, tratta delle disposizioni in materia di scuola, università ed emergenza. Il Presidente del giovane sindacato Anief ribadisce, come in un’intervista a “La Repubblica” del 17 luglio 2020, che “noi siamo sempre disponibili e tesi a un dialogo per trovare soluzioni concrete che passano anzitutto dalla stabilizzazione dei precari e da altre criticità sulle quali il giovane Sindacato della scuola continuerà a insistere fino a quando non saranno superate e risolte”.

ANIEF ha presentato in Senato, al Disegno di Legge n. 1925 Conversione in legge del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia, degli emendamenti volti a introdurre il prima possibile una norma che garantisca la funzionalità del sistema, la continuità didattica e ponga un limite alla reiterazione dei contratti. Nel decreto legge, presentato in data 14 agosto 2020; annunciato nella seduta n. 250 del 18 agosto 2020 sono state presentate le proposte emendative nello specifico all’art. 32 su: edilizia scolastica (artt.32, 48), ministero dell’istruzione (artt.32, 48), lavoro straordinario (artt.32, 35, 38) e anno scolastico (art.32).

Le proposte de giovane sindacato sono volte a vagliare ogni aspetto dell’ambito istruzione per garantire uno snellimento delle procedure assunzionali e ridurre l’ingente precariato che, in un periodo di emergenza, quale quello che stiamo affrontando, porta solo a penalizzare i docenti e, soprattutto, i discenti penalizzandoli per delle decisioni farraginose da parte del Ministero che non tiene in considerazione l’importanza di una stabilità e continuità didattica consolidata.

Gli emendamenti su cui si pone maggiore attenzione sono

32.0.10 Progressione carriera DSGA facenti funzione; 32.0.11 e 32.0.12 Misure urgenti per garantire la funzionalità amministrativa delle istituzioni scolastiche

32.0.13 Contenzioso concorso dirigenti scolastici 2017; 32.0.7 Provvedimento d’urgenza per il superamento del contenzioso relativo ai concorsi a posti di dirigente scolastico banditi anteriormente al 2017

32.0.110 (già 92.0.1) Disposizioni in materia di scuole all’estero; 32.0.120 (già 38.0.7) Modifiche al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64

32.0.5 Rimodulazione del vincolo di permanenza

32.0.3 Corso di specializzazione per l’insegnamento di sostegno nelle scuole di ogni ordine e grado dedicato specificamente a coloro che sono in servizio a qualunque titolo su posti di sostegno della scuola primaria, secondaria e dell’infanzia senza essere in possesso del titolo di specializzazione previsto dalla legge e 32.0.100 (già 25.0.19) Disposizioni urgenti in materia di procedure concorsuali sul Sostegno didattico

32.0.101 (già 33.0.14) Misure urgenti per la continuità didattica degli studenti con disabilità attraverso il reclutamento dei docenti specializzati sul Sostegno didattico

32.0.4 Percorso specifico per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento dedicato a docenti in possesso di adeguata esperienza professionale

32.0.14 incremento posti in organico di diritto

32.0.2 Concorso straordinario bis per docenti di scuola primaria diplomati magistrali licenziati a seguito di giudizi definitivi

Sono tutti emendamenti che volgono lo sguardo soprattutto all’istruzione, al rilancio del personale della scuola, sfiancato da continui tagli e precarietà, per rendere possibile il corretto funzionamento della scuola italiana anche e soprattutto in un periodo come questo, segnato da difficoltà che da tempo sono state poste all’attenzione del Governo ma che, per questioni di tempo e fondi, non sono stati ottemperati. Lo scopo è quello di rendere l’istruzione caposaldo del Paese anziché zavorra periferica, foriero di tagli e limitazioni, attraverso la stabilizzazione di tutto il personale che da anni svolge attività di insegnamento ed ancora è precario senza così reiterare decine di migliaia di contratti di lavoro a tempo determinato determinando un maggiore esborso per la finanza pubblica, promuovendo anche il passaggio del personale facente funzione DSGA, inserendo gli idonei degli scorsi concorsi in graduatoria, reinserendo tutti i docenti diplomati magistrale licenziati a seguito di giudizi definitivi, limitando il licenziamento dei supplenti. Tutto questo anche per garantire una continuità didattica che al momento viene imposta solo con un vincolo quinquennale che va a ledere l’altrettanto importante diritto alla famiglia per favorire il rientro dei docenti ingabbiati per via dei contorti e poco trasparenti meccanismi di reclutamento.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia