Decreto 71/24, ammissibili molte proposte emendative suggerite dal sindacato. Pacifico (Anief): “misure importanti per i lavoratori, attendiamo il voto”

WhatsApp
Telegram

Le proposte emendative suggerite da Anief mirano a migliorare il decreto legge n. 71/2024, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 126 lo scorso 31 maggio: solo il sindacato Anief ha presentato oltre 20 emendamenti al provvedimento da convertire in legge e approvare definitivamente nelle Camere entro la fine di luglio così da introdurre le nuove norme dal prossimo 1° settembre in coincidenza con l’inizio del nuovo anno scolastico. Con Cisal e Udir, gli emendamenti raggiungono quota 30.

Sono stati dichiarati ammissibili molti emendamenti suggeriti da ANIEF Associazione Nazionale Insegnanti E Formatori. Il voto avrà inizio dalla prossima settimana. Bloccati invece 5.7, 5.8, 5.9, 5.11, 5.12, 5.14, 5.011 su educazione motoria primaria, seconda fascia GPS e Isef, 10.9 restituzione tassa per concorso abilitante, 14.0.10, 14.0.11, 14.0.12, 14.0.13 deroghe al dimensionamento specialmente su zone disagiate

Infatti, il giovane sindacato rappresentativo del comparto istruzione, università e ricerca, ha presentato in VII Commissione della Camera tutti gli emendamenti su posti in deroga sostegno 8.4, organico aggiuntivo 10.11/10.12, 10.04, 14.018, aumento organico Ata 10.7, docenti licenziati da Gae 10.5/10.6, aggiornamento annuale GPS 10.07, assunzioni su graduatorie concorsi 14.02, docenti scuole estere 14.3, tempo pieno 14.06, deroghe dimensionamento 14.010, 14.011, contratti di ricerca 15.10, tecnologi 15.09, enti di ricerca 15.15 e tanti altri ancora.

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, ha affermato che gli emendamenti presentati sono migliorativi e tendono a tutelare “i lavoratori della scuola, dell’università e i ricercatori. Le proposte riguardano molti temi: si va del sostegno, la cui continuità didattica si può ottenere solo introducendo organici di diritto, cancellando quelli in deroga per i supplenti fino al 30 giugno, e immettendo in ruolo tutti gli insegnanti specializzati. Mentre speriamo che vi sia un ripensamento sulla facoltà che viene data alle famiglie di scegliere il docente precario di sostegno per l’anno scolastico successivo. Siamo poi convinti che servano accorgimenti per il reclutamento del personale: il tema dei concorsi deve essere allargato ai docenti che sono stati licenziati, chi ha sostenuto l’anno di prova non può ritrovarsi senza più ruolo. Inoltre, l’educazione motoria va praticata per tutto il ciclo della primaria”, ha concluso il sindacalista autonomo.

decreto legge n. 71/2024, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 126

oltre 20 emendamenti

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA