Decreto 36, PSI: è probabile che il Governo non voglia o non possa trovare risorse per carta docente e organico

WhatsApp
Telegram

“Per la scuola pubblica arrivano pessime notizie dal Senato dove ieri è stata sospesa la votazione di quella parte del Decreto 36 che puntava ad evitare il taglio della carta docenti e di quasi 10000 cattedre”. Così commenta Luca Fantò, referente nazionale PSI scuola e università

“Trattandosi di voci di risparmio e reinvestimento, è probabile che il Governo non voglia o non possa trovare risorse alternative per salvaguardare la carta docente e l’organico docente. La difficoltà nel trovare risorse alternative rende manifesto
come si sia scritto un Decreto a costo zero, scommettendo sulla denatalità, senza volontà di investire risorse che invece sarebbero necessarie”, aggiunge Fantò.

“E’ possibile immaginare una riforma della scuola senza immaginare l’impegno di enormi risorse da mettere a disposizione della didattica, dei salari, della lotta alla dispersione e a favore della continuità didattica? C’è molto da fare!

Il PSI scuola auspica che il tutto non venga risolto con una triste trattativa sulle cifre ma con lo stop all’iter di approvazione del Decreto 36, in attesa di poter migliorare e rendere più efficace la proposta del Ministro Bianchi” conclude.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur