Declino lingua italiana, le proposte del Gruppo di Firenze. Fedeli disponibile al confronto

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“A oltre tre mesi dall’appello-denuncia di oltre 600 docenti universitari sulle carenze linguistiche dei loro studenti, una rappresentanza dei firmatari e i promotori del Gruppo di Firenze incontrano la stampa per denunciare l’assenza di risposte del governo in merito a questo grave problema”. E” questo l’inizio del comunicato inviatoci in redazione dal predetto Gruppo, ove i componenti del medesimo denunciano la mancanza di risposte da parte del Governo.

Il Gruppo, nel corso dell’annunciata conferenza stampa tenutasi al Liceo Tasso di Roma, ha avanzato delle proposte al fine di superare le criticità nell’apprendimento della lingua da parte dei nostri studenti.

Al fine suddetto, i docenti del Gruppo di Firenze propongono quanto segue: “Verificare in modo sistematico e con prove omogenee a livello nazionale l’acquisizione di competenze e conoscenze linguistiche assolutamente imprescindibili ai vari livelli di scolarità. Oltre a questa primaria responsabilità, il Ministero dovrebbe svolgere con continuità un ruolo di orientamento, di sollecitazione e di guida”.

Il Gruppo di Firenze, infine, ha informato la disponibilità della Ministra Fedeli ad un incontro per confrontarsi in merito.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione