Debutta al Festival Pontino di Musica l’Orchestra Nazionale dei Licei Musicali Italiani

WhatsApp
Telegram

Fondazione Campus Internazionale di Musica – Inizia con un flashmob domenica 30 luglio alle ore 19.30 nel centro storico di Sermoneta – con un itinerario che prevede il Castello Caetani, il Belvedere, la Loggia dei Mercanti e la Piazza del Popolo – la presenza al Festival Pontino di Musica dei giovani talenti dell’Orchestra Nazionale dei Licei Musicali Italiani, che lunedì 31 luglio alle ore 21, al Castello di Sermoneta, chiuderà la 53ª edizione del Festival, dopo un intero mese di concerti e incontri.

Sarà una serata davvero speciale, quella di lunedì, perché segna la nascita dell’Orchestra diretta per questa occasione da Francesco Di Peri, con un programma assai popolare che si apre con Sacchini e l’Ouverture dall’opera Edipo a Colono, a seguire Beethoven con il primo movimento dalla Sinfonia n. 1 e il secondo movimento dalla Sinfonia n. 7 e Saint-Saëns, del quale sarà eseguito il famosissimo Cigno per violoncello e orchestra tratto dal Carnevale degli animali, chiudendosi nel nome di Morricone e alcune delle sue più famose colonne sonore.

Questo primo nucleo dell’Orchestra è il frutto del Laboratorio Orchestrale che si è tenuto dal 26 luglio al Castello di Sermoneta nell’ambito del Campus Internazionale di Musica. «La presenza dei Licei Musicali nel territorio nazionale – afferma il direttore d’orchestra Francesco Di Peri – è ormai una realtà consolidata, potendo contare su 142 sezioni ormai attive e funzionanti e un numero di studenti che nell’anno scolastico in corso conta 13.710 unità. La costituzione di una Orchestra Nazionale dei Licei Musicali rappresenta il naturale completamento di una realtà entusiasmante ed unica nel panorama pedagogico italiano. L’orchestra sinfonica è stata scelta come organico di riferimento per il primo laboratorio organizzato a Sermoneta dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici del MIUR, dalla Rete Nazionale dei Licei Musicali e Coreutici e dalla Fondazione Campus Internazionale di Musica e realizzata dal sottoscritto in qualità di direttore d’orchestra, Claudio Mandonico (sezione archi), Giovanni D’Auria (sezione fiati) e Paolo Favorido (sezione percussioni). Una selezione dei migliori studenti dei licei interpellati forma il gruppo strumentale e rimarrà come organico di riferimento per l’attività che si intende avviare a partire dal prossimo anno. I licei grazie all’Orchestra nazionale avranno così un punto di riferimento della qualità e del livello che le diverse istituzioni scolastiche stanno operando nella loro attività didattica. Il laboratorio nasce infatti come esperienza orchestrale con carattere professionalizzante e come alternanza scuola/lavoro».
In questa prima fase sono stati coinvolti sessanta studenti selezionati tra i giovani talenti presenti in ventiquattro Licei musicali di quindici regioni del nostro paese. Nel corso nel prossimo anno scolastico l’organico dell’orchestra raggiungerà le cento unità e sarà accompagnato da un coro di altrettanti elementi.
«Il programma proposto per il concerto conclusivo del Festival Pontino – prosegue Di Peri – vuole essere un viaggio musicale dal Settecento al contemporaneo. Il concerto ha inizio con l’Ouverture Edipo a Colono di Sacchini, momento strumentale della tradizione operistica italiana, e prosegue con il primo movimento della Prima Sinfonia e il secondo movimento della Settima Sinfonia di Beethoven, due pagine significative della letteratura sinfonica europea in mezzo ai quali si colloca il Cigno per violoncello e orchestra di Saint-Saëns, con la solista Maria Sandu, composizione di carattere fortemente espressivo e rappresentativo della poetica musicale ottocentesca. La seconda parte del concerto, che vede il giovane Luca Marino come solista del Gabriel’s oboe tratto da Il Buono, il brutto e il cattivo, è appunto dedicata a Ennio Morricone con alcune sue colonne sonore di celebri film».

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur