De Cristofaro, manuale veneto per ripartenza scuola è strumento efficace. Assunzioni a TD docenti e ATA

Stampa

Il sottosegretario Peppe De Cristofaro ha partecipato ieri al tavolo operativo per la riapertura della scuola in sicurezza del Veneto con l’assessore regionale Elena Donazzan, la direttrice dell’USR del Veneto Carmela Palumbo, i rappresentanti di Upi, Anci, delle rappresentanze sindacali e delle scuole paritarie.

Il tavolo del Veneto – scrive De Cristofaro su Facebook – si è positivamente attivato in anticipo, con un lavoro molto proficuo sul territorio che ha prodotto uno strumento di supporto efficace per tutte le scuole della regione, un vero e proprio manuale operativo per la ripartenza.

Nell’incontro abbiamo affrontato le criticità emerse, calendarizzato i successivi incontri e programmato le conferenze di servizio territoriali che si svolgeranno già in settimana.

Nelle prossime due settimane saremo impegnati nell’analisi dei fabbisogni specifici delle singole scuole, raccogliendo le necessità e i bisogni degli istituti scolastici della regione“.

Seguirò il tavolo regionale del Veneto con costanza e tempestività – aggiunge il sottosegretario – per riuscire a dare tutto il supporto e il sostegno necessario da parte del Ministero alle scuole venete per la ripartenza in classe a settembre con criteri di assoluta sicurezza“.

Rientro a scuola, il manuale del Veneto: moduli da 40 a 50 minuti di lezione, cosa fanno i docenti in più, gli spazi

De Cristofaro in Basilicata

Questa mattina Tavolo con la Basilicata.


In questa regione, un territorio peculiare caratterizzato da diffuse aree montane e dalla prevalenza di piccoli comuni, l’Usr ha avviato con tempestività una serie di monitoraggi, sia sulla didattica a distanza svolta in questi mesi che sulle necessità – prima di tutto logistiche, organizzative e di mobilità – per iniziare in massima sicurezza il nuovo anno scolastico.
In considerazione delle necessità del territorio, che presenta una popolazione scolastica spesso costretta a spostamenti lunghi per raggiungere la scuola con il fenomeno del pendolarismo che riguarda in alcuni casi il 50% degli studenti, un lavoro specifico particolarmente delicato attiene ai trasporti, per rafforzare il sistema di mobilità di interesse scolastico“. Lo scrive su F
acebook De Cristofaro.


Con l’avvio del prossimo anno, inoltre, al momento sono previsti interventi per la scuola a livello nazionale per un miliardo di euro, anche per l’assunzione a tempo determinato di docenti e personale Ata, in modo da poter prevedere, ove necessario, l’utilizzo di nuovi spazi forniti dai Comuni per uso scolastico.
La sfida più importante della scuola è di rendere la ripartenza, pur nell’emergenza e nelle tante difficoltà, anche un’occasione per affrontare e risolvere problematiche che riguardano da anni il sistema di istruzione italiano“, ha concluso.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur