De Cristofaro: inclusione non facile, ma necessaria

WhatsApp
Telegram
Sostegno, boom supplenze: più di 60 mila i docenti non abilitati

“L’inclusione non è un processo facile, me ne rendo conto, ma è sicuramente un processo necessario e con un alto valore educativo.

Da qui dobbiamo partire, prima ancora che dal diritto costituzionale per tutti, nessuno escluso, all’istruzione.
Per questo non posso che ringraziare le maestre e la scuola primaria del lodigiano per l’opera di sensibilizzazione che stanno portando avanti con le famiglie e invitare tutti i genitori a trovare le giuste modalità non discriminatorie per segnalare le difficoltà da affrontare. “

Lo afferma il sottosegretario all’istruzione Peppe De Cristofaro commentando la vicenda della scuola primaria di Cornegliano Laudense dove le maestre hanno contestato la scelta delle famiglie di lasciare a casa i propri figli a causa delle difficoltà provocate in classe da una bambina con disabilità.

“Raccoglieremo tutte le informazioni utili e necessarie, ed interverremo se ci sono stati disservizi, come denunciato dai genitori che hanno lasciato a casa i propri figli, – prosegue il sottosegretario – comprendo le loro preoccupazioni ma penso che la solidarietà si manifesti con l’accoglienza, non lasciando da solo in classe chi deve già subire l’umiliazione di non poter vivere da solo la scuola.

“Una comunità educante riparte da qui – conclude De Cristofaro – dalla costruzione di condivisione e collaborazione per il bene comune e di tutti”

Disabile in classe, genitori lasciano figli a casa. Docenti: la scuola è aperta a tutti

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito