Il DDL Stabilità lascia indietro Quota 96

di Giulia Boffa
ipsef

Giulia Boffa – Il decreto stabilità, nuovo nome per la finanziaria, è stato approvato venerdì scorso, prima delle dimissioni formali del governo Monti, ma nulla è stato approvato riguardo al problema della Quota 96, dopo che un emendamento in merito del PD era stato accantonato e poi ritirato.

Giulia Boffa – Il decreto stabilità, nuovo nome per la finanziaria, è stato approvato venerdì scorso, prima delle dimissioni formali del governo Monti, ma nulla è stato approvato riguardo al problema della Quota 96, dopo che un emendamento in merito del PD era stato accantonato e poi ritirato.

L’potesi iniziale di una soluzione al problema era arrivata con la proposta di aggiungere un emendamento ad hoc a quello sull’allargamento della tutela agli esodati, in modo che le due questioni fossero discusse insieme, ma non è stato così.  
 
Mentre il numero degli esodati tutelati è aumentato di 10.130 unità da aggiungere ai 120.000 già tutelati, nulla dunque è stato concesso ai docenti della Quota 96, nonostante i diritti acquisiti e l’errore del Governo su una norma costituzionale e nonostante diverse sentenze dei giudici del lavoro a favore.    
 
La copertura finanziaria di 100 milioni per gli esodati è stata trovata da risorse già stanziate e non utilizzate. 
 
Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione