DDL Scuola. Salta abbinamento LIP, testo base sarà quello del Governo

di redazione
ipsef

Il testo base del ddl Scuola sarà quello proposto dal governo a firma del Ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini. È quanto ha deciso la Commissione Cultura alla Camera, che ha iniziato l'esame del provvedimento dopo oltre una settimana di audizioni.

Il testo base del ddl Scuola sarà quello proposto dal governo a firma del Ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini. È quanto ha deciso la Commissione Cultura alla Camera, che ha iniziato l'esame del provvedimento dopo oltre una settimana di audizioni.

Con la scelta del ddl Buona scuola di fatto salta l'abbinamento con le altre proposte di legge in commissione sulla riforma del sistema di istruzione. Tra queste quella a firma del deputato Sel, Giovanni Paglia, che ripropone la Lip (la legge di iniziativa popolare per la 'Buona scuola') per la quale sono state raccolte circa 100mila firme.

Prima del voto in commissione, per scegliere il testo base, i deputati M5s hanno chiesto alla presidenza di convocare un comitato ristretto per la stesura di un testo unificato. Richiesta respinta dalla maggioranza che ha votato a favore del testo base proposto dalla relatrice, Maria Coscia (Pd).

La VII commissione riprenderà questa mattina la discussione generale sul testo in attesa che il governo fornisca il supplemento di istruttoria – chiesto dai 5 stelle – sui numeri dei precari (diversificazioni per classi di concorso, censimento delle diverse graduatorie, numero delle assunzioni a tempo dello scorso anno, fabbisogni).

Assunzioni e graduatorie ad esaurimento. Questa settimana il Governo fornirà i dati esatti

Segui i lavori parlamentari su OrizzonteScuola.it

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare