DDL Scuola. Renzi: andiamo avanti con testa dura. E su twitter Faraone ci spiega la riforma

di redazione
ipsef

“Abbiamo intrapreso il percorso di grandi Riforme e andremo avanti con testa dura”. Oggi il presidente del Consiglio Matteo Renzi è a Bolzano e non manca di commentare lo sciopero del personale della scuola, molto partecipato in tutte le piazze di Italia.

“Abbiamo intrapreso il percorso di grandi Riforme e andremo avanti con testa dura”. Oggi il presidente del Consiglio Matteo Renzi è a Bolzano e non manca di commentare lo sciopero del personale della scuola, molto partecipato in tutte le piazze di Italia.

Il Premier è sicuro di poter inanellare ancora un'altra vittoria dopo quella di ieri sull'Italicum “Abbiamo tenuto la promessa della legge elettorale varata ieri e andiamo avanti su questa strada”.

Come sarà il nuovo modello di istruzione che verrà fuori dalla riforma?

"Compito della scuola è non solo educare dei lavoratori ma dei cittadini: svegliare l'emozione di fronte alla poesia. Nessuno di noi vuole mettere in discussione il grande modello di istruzione classica. Educhiamo cittadini, non skills o curricula vitae. Ma parliamoanche di apprendistato e sistema duale per l'alternanza scuola-lavoro, perché non significa archiviare l'istruzione classica".

E a proposito di alternanza scuola-lavoro, l'obiettivo del Premier è copiare il modello sudtirolese". "Questo -dice – significa rafforzare da un lato l'istruzione di qualità e dall'altra la concretezza. I ragazzi in questo modo hanno la possibilità di fare crescere i propri sogni. Non solo la disoccupazione giovanile è più bassa ma anche il tasso di dispersione scolastica".

Il Ministro ha invece utilizzato parole dure nei confronti dei docenti che nel concorso 2012 si sono collocati oltre il numero dei posti banditi 

Nelle stesse ore il Sottosegretario Faraone tweeta slides per spiegare in parole semplici la riforma (dato che secondo il Ministro gli scioperanti non l'avrebbero ancora compreso fino in fondo)

 

Sciopero, la diretta: immagini, commenti, cronaca. Inviaci il tuo contributo

Versione stampabile
anief anief
soloformazione