DDL Scuola. M5S: i conti delle assunzioni non tornano. I posti per le assunzioni sono 120mila escluso l’organico funzionale

di redazione
ipsef

Avevamo dei dubbi sul piano assunzionale del governo – affermano i deputati del M5S – e per questo abbiamo chiesto un supplemento d'istruttoria per verificare i dati. Avevamo ragione: i dati del Miur dicono che il reale fabbisogno è di 120 mila cattedre, e non 50 mila come stimato dal governo.

Avevamo dei dubbi sul piano assunzionale del governo – affermano i deputati del M5S – e per questo abbiamo chiesto un supplemento d'istruttoria per verificare i dati. Avevamo ragione: i dati del Miur dicono che il reale fabbisogno è di 120 mila cattedre, e non 50 mila come stimato dal governo.

Ma per il M5S i problemi legati al piano assunzionale sono anche altri. Una parte consistente di queste cattedre scoperte – si legge nel loro comunicato – non potrà essere garantita nemmeno dal personale assunto nell'organico aggiuntivo, dal momento che questo è non provvisto di adeguato titolo abilitativo.

Due sono le possibilità: o queste persone non verranno assunte, ridimensionando le assunzioni a 60 mila, oppure l'anno prossimo avremo docenti che copriranno insegnamenti, anche per un anno intero, sprovvisti di abilitazione.

La verità -concludono i deputati del M5S – è che il piano assunzionale non risponde a nessun criterio logico e funzionale: l'obiettivo del governo è di eliminare le Gae senza assorbire i precari, e non di risolvere le reali esigenze della scuola.

Immissioni ruolo. Distribuzione per provincia e classi di concorso. I dati ufficiali del censimento del MIUR

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare