DDL Scuola. FLC CGIL: tentativi del Governo di dividere il fronte della protesta sono falliti

di redazione
ipsef

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL – Se Renzi vuole aprire realmente il confronto con chi nella scuola vive, deve essere disponibile a *cambiare radicalmente il disegno di legge*. Il confronto lo chiediamo sul merito e sul serio, non con i tweet.

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL – Se Renzi vuole aprire realmente il confronto con chi nella scuola vive, deve essere disponibile a *cambiare radicalmente il disegno di legge*. Il confronto lo chiediamo sul merito e sul serio, non con i tweet.

Deve essere chiaro a lui e al Governo che non ci accontentiamo di semplici aggiustamenti a un disegno di legge inaccettabile e autoritario che colpisce la dignità, i diritti e la libertà di docenti, ATA e studenti senza migliorare la qualità della scuola pubblica.

Lo sciopero del 5 Maggio ha confermato che sul merito della brutta scuola non c'è consenso. Renzi se ne faccia una ragione, non servono le sue lezioni con lavagna e gessetti!

In questi giorni cresce e si allarga la mobilitazione e tutti i tentativi del Governo di dividere il fronte della protesta sono falliti. Le proposte delle organizzazioni sindacali sono chiare e precise su precari, dirigenti scolastici, difesa della contrattazione e rinnovo del contratto nazionale.

In assenza di risposte concrete le lotte continueranno a partire dai presìdi a Montecitorio e in tutta Italia del 18, 19 e 20 maggio. Non escludiamo nulla compresi ulteriori scioperie non ci faremo intimidire da nessuno.

Discuteremo con il personale della scuola, con gli studenti e le famiglie dell'andamento del confronto e su come proseguire le lotte, ricercando sempre il massimo consenso.

La nostra gente ci chiede unità, ma anche coerenza, non molliamo perché sono in gioco la scuola della Costituzione e la democrazia.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione