DDL Scuola. Emendamenti: reti di scuole entro giugno 2016 (ritirato), sovrannumerari e mobilità. Autocandidatura docenti

di redazione
ipsef

La Commissione Cultura, oggi nuovamente riunita, affronta uno degli articoli più complessi, del testo, il n. 6

La Commissione Cultura, oggi nuovamente riunita, affronta uno degli articoli più complessi, del testo, il n. 6

Una modifica già approvata riguarda la cadenza triennale, a partire dal 2016/17, dell'organico di autonomia.

Viene inoltre stabilito che l'attribuzione dei docenti all'organico dell'autonomia, tra le regioni, sarà effettuato per i posti comuni sulla base del numero delle classi, per i posti del potenziamento invece, sulla base del numero degli alunni. Commissione Cultura stabilisce modalità attribuzione docenti ad organico di autonomia, dal 2016/17

Un altro emendamento, a firma della relatrice Maria Coscia (PD), riguarda i sovrannumerari (argomento scottante) e la mobilità territoriale e professionale dei docenti di ruolo.

"Il personale docente degli organici provinciali che al 1° settembre 2016 risulta sovranumerario presenta domanda per l'attribuzione a un ambito territoriale della provincia. Dall'anno scolastico 2016-2017 la mobilità territoriale e professionale di tutto il personale opera tra gli ambiti territoriali".

"Il personale già assunto in ruolo a tempo indeterminato alla data di entrata in vigore del ddl, si legge, "conserva la titolarietà presso la scuola di appartenenza".

L'emendamento fornisce una prima risposta alle manchevolezze del testo originario (qualcuno aveva pure pensato che gli albi fossero in vigore già per la mobilità 2015), in cui le vicende dei docenti di ruolo vengono trascurate.

Emendamento su reti di scuole entro giugno 2016

"Entro giugno 2016 le scuole dello stesso "ambito territoriale" costituiranno una "rete" finalizzata alla valorizzazione delle risorse professionali, alla gestione di comuni funzioni, attività amministrative e alla realizzazione di progetti o iniziative didattiche, educative, sportive. Le scuole potranno quindi stipulare tra loro delle convenzioni."

Lo prevede un emendamento all'articolo 6 del ddl Scuola, a firma della relatrice, Maria Coscia (Pd), presentato in commissione Cultura alla Camera, che avrebbe dovuto essere presentato oggi, è stato ritirato, per essere riformulato la prossima settimana. La proposta prevede che entro 90 giorni dall'approvazione del ddl, il Miur dovrà emanare le linee guida per la definizione delle convenzioni tra le scuole che dovranno disciplinare: "I principi per l'assegnazione di incarichi ai docenti afferenti all'albo territoriale che dovranno conformarsi alle norme antidiscriminatorie sul lavoro; i criteri e le modalità per l'attribuzioni di incarichi su insegnamenti opzionali o specialistici o di coordinamento e progettazione a docenti; i piani di formazione del personale docente e Ata".

E ancora: le convenzioni dovranno tener conto delle "risorse" da destinare alla rete "per il perseguimento delle proprie finalità; forme e modalità per la pubblicità delle decisioni assunte, e dei rendiconti delle attività svolte; e i principi di governance della rete stessa".

A questo punto la domanda scontata è: come verranno gestite le immissioni in ruolo 2015?

Probabilmente esse verranno affidate agli albi territoriali coincidenti con la provincia, rimandando all'anno successivo la ripartizione in rete di scuole.

Si fa sempre più strada l'ipotesi che sarà il collegio docenti a dover nominare una commissione 'ad hoc' cui spetterà il compito, insieme al dirigente, di scegliere i docenti in sintonia con il progetto del POF.

Ma non solo, si fa anche sempre più concreta l' ipotesi che siano gli stessi docenti ad autocandidarsi e che poi saranno sottoposti a colloquio.

Procedure e meccanismi che potranno essere chiariti solo quando la Commissione Cultura affronterà l'esame degli articoli 7 e 8. Ma molto probabilmente ciò avverrà dopo l'incontro con i sindacati e le associazioni promotrici dello sciopero di ieri 5 maggio DDL Scuola: PD incontrerà sindacati. Poi emendamento relatrice. Giannini: testo migliorato, ma nessun cambiamento di linea

Segui tutti i lavori parlamentari su OrizzonteScuola.it

La Buona Scuola: gli emendamenti e le riforme al testo approvate finora

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione