DDL Scuola. Anief: dopo 36 mesi supplenze diritto assunzione, soldi per merito con ok collegio e RSU, assumere anche ATA

di redazione
ipsef

Nella norma sull'assegnazione dei 200 milioni di euro "inserire la frase 'con il consenso del collegio docenti e in contrattazione con le Rsu'", perché non può "il dirigente scegliere da solo". A dirlo il presidente Anief, Marcello Pacifico, in audizione al Senato sul ddl Scuola.

Nella norma sull'assegnazione dei 200 milioni di euro "inserire la frase 'con il consenso del collegio docenti e in contrattazione con le Rsu'", perché non può "il dirigente scegliere da solo". A dirlo il presidente Anief, Marcello Pacifico, in audizione al Senato sul ddl Scuola.

ASSUMERE ATA, LEGGE STABILITA' LO PERMETTE

Al 31 agosto 2014 i posti assegnati al personale Ata "sono stati 10mila posti. Si deve assumerli con un piano straordinario di assunzioni. La legge di Stabilità parla di 'personale' della scuola, quindi può considerare anche loro".

ANIEF: DOCENTE SOSTEGNO IN PIÙ CICLI? DIVENTA TERAPISTA

Con il ddl Scuola "l'insegnante di sostegno diventa un 'terapista'. Una norma inserita alla Camera, infatti, prevede che chi fa sostegno seguirà il ragazzo anche in gradi d'istruzione diversi".

DOPO 36 MESI ASSUMERE, NO A BLOCCO CONTRATTI A TEMPO

Dopo la sentenza della Corte europea sulle supplenze "la soluzione non è impedire i contratti a tempo, ma di stabilizzare i docenti dopo 36 mesi di contratti a tempo. Se il posto è vacante e non stai sostituendo devi essere assunto".

CHIAMATA DIRETTA DOCENTI È INCOSTITUZIONALE
 
"La chiamata diretta dei docenti è incostituzionale perché lo dicono due sentenze della Consulta. Una legge della Lombardia è stata censurata dalla Corte per eccesso di delega". A dirlo il presidente Anief, Marcello Pacifico, in audizione al Senato sul ddl Scuola.

"Inserirei i docenti – ha aggiunto – in albi regionali non giustifica la chiamata diretta dei dirigenti che non si basa su delle graduatorie a punteggio".

SE SCELGONO DS, ALBI CON GRADUATORIE
 
 Anief chiede di eliminare dal testo del ddl Scuola la norma che prevede la chiamata 'diretta' dei docenti da parte del dirigente scolastico, "ma se non venisse fatto almeno prevedere per gli albi territoriali delle graduatorie sulla base del punteggio concorsuale".

Dunque le assegnazioni dovranno tenere contro "del punteggio di ciascun candidato posseduto nelle graduatorie a esaurimento o di merito di provenienza".

Il Comunicato ANIEF: tutti i precari devono essere assunti subito dallo Stato, non dal preside manager

Tutto sulla buona Scuola

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione