DDL scuola. AICA: serve banda larga e presidio informatico individuato tra il personale ATA

di redazione
ipsef

Banda larga e presidio informativo in tutte le scuole. È quanto ha chiesto un rappresentante di Aica (Associazione italiana per l'informatica e il calcolo automatico) in audizione a Montecitorio sul ddl Buona scuola.

Banda larga e presidio informativo in tutte le scuole. È quanto ha chiesto un rappresentante di Aica (Associazione italiana per l'informatica e il calcolo automatico) in audizione a Montecitorio sul ddl Buona scuola.

Aica chiede di prevedere nel ddl "una maggiore attenzione alle infrastrutture informatiche nelle scuole" e di "diffondere in tutte le strutture la banda larga", precisando però "che le tecnologie da sole non bastano, serve la formazione e la certificazione delle competenze".

"È importantissimo – aggiunge – che ogni scuola abbia un 'presidio informatico', con un 'administrator' all'interno delle istituzioni scolastiche, che potrebbe essere individuato anche tra il personale Ata", con "una qualifica certificata".

"Deve essere una figura che gestisca a livello tecnico e di sicurezza le macchine, che sia in grado di verificare illeciti, intrusioni e di aiutare i colleghi nei piccoli problemi giornalieri".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione