DDL riforma. Martedì discussione generale. Coscia (relatrice), no a stralcio solo assunzioni. Tutte sintesi audizioni

di redazione
ipsef

Concluso oggi il giro di audizioni il ddl buona scuola è stato ufficialmente incardinato in commissione Cultura della Camera, dopo che ieri è stato stabilito il termine per la presentazione degli emendamenti, fissato al 18 aprile. Martedì prossimo inizierà dunque la discussione generale.

Concluso oggi il giro di audizioni il ddl buona scuola è stato ufficialmente incardinato in commissione Cultura della Camera, dopo che ieri è stato stabilito il termine per la presentazione degli emendamenti, fissato al 18 aprile. Martedì prossimo inizierà dunque la discussione generale.

La relatrice Maria Coscia (Pd) nell'illustrare il provvedimento ha evidenziato come "questo ddl renda possibile finalmente l'autonomia scolastica, istituita nel lontano 1987, sia finanziaria che a livello di personale, per fare in modo anche che la scuola migliori la propria offerta formativa", come ha spiegato ai giornalisti uscendo dalla commissione.

In merito alla richiesta delle opposizioni di stralciare dal ddl la parte relativa alle assunzioni dei docenti, per trattarla in un provvedimento autonomo, la relatrice ha chiarito che "il piano assunzioni è funzionale anch'esso al raggiungimento di una vera autonomia scolastica, tutto si tiene, dunque lo stralcio solo di quella parte non può essere fatto perché rischia di far venire meno il disegno complessivo del testo".

In merito all'altra richiesta delle opposizioni di diminuire il numero di deleghe Coscia si è detta disponibile, in generale, "a valutare i miglioramenti che verranno da tutti i gruppi". Vedi anche: Anticipato ad oggi inizio esame. Dal 21 aprile primi voti

Sull'iter parlamentare è intervenuta pure la responsabile scuola del PD. 

"Massimo approfondimento parlamentare e tempi strettissimi per l'approvazione. Questo è Il metodo che seguiamo per il ddl sulla buona scuola. Se prevarrà la responsabilità di tutti i gruppi, tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, sarà possibile votare il testo finale". Ha affermato in una nota la senatrice Francesca Puglisi.

"Oggi pomeriggio la commissione Istruzione della Camera – sottolinea la parlamentare – avvia l'esame sul ddl del governo Renzi. Abbiamo dedicato 5 giorni alle audizioni, pari a circa 28 ore di sedute congiunte, con oltre 80 associazioni che hanno potuto fare le loro integrazioni.

Vogliamo ascoltare tutti gli operatori, valutare le proposte, mantenendo ferma l'esigenza di procedere speditamente per garantire le assunzioni previste per il prossimo anno scolastico", conclude Puglisi.

I lavori parlamentari del DDL di riforma della scuola

Tutto sulla riforma, con il testo del DDL

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione