DDL riforma inizierà iter parlamentare la prossima settimana, dopo il 23

di redazione
ipsef

A darne  notizia il Ministro Giannini, in occasione della firma del protocollo d'intesa tra il Mibact e Miur per formazione e ricerca. Una scelta che contrasta con l'esigenza della celerità.

A darne  notizia il Ministro Giannini, in occasione della firma del protocollo d'intesa tra il Mibact e Miur per formazione e ricerca. Una scelta che contrasta con l'esigenza della celerità.

"L'iter del Ddl scuola dovrebbe cominciare la prossima settimana ma dove, se alla Camera o al Senato, non è stato ancora deciso. Valuteremo, anche considerando il calendario dei lavori d'Aula, da dove farlo partire". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione e della Ricerca, Stefania Giannini.

Il testo del DDL è stato limato in alcune parti, rispetto a quello da noi pubblicato la settimana scorsa. I lavori di rifinitura sono terminati domenica e da lunedì abbiamo il testo definitivo.

E' necessario, adesso, che il Parlamento avvii una discussione veloce per poter portare i 100 mila docenti precari ad avere una cattedra a partire dal 1 settembre 2015.

Una celerità che, però, cozza con un impianto che sta suscitando molte critiche, soprattutto per quanto concerne l'aumento dei poteri dei dirigenti e l'istituzione di albi regionali dai quali attingere per l'assunzione dei docenti.

Tutto sulla Buona Scuola

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare