DDL riforma. Giovedì iniziano audizioni, 5 maggio al Senato. Tempi strettissimi per assunzioni

di redazione
ipsef

Seppure da più parti si invochi il Decreto legge e qualche sito web l'abbia dato per scontato, il PD proverà la carta del percorso parlamentare fino in fondo.

Seppure da più parti si invochi il Decreto legge e qualche sito web l'abbia dato per scontato, il PD proverà la carta del percorso parlamentare fino in fondo.

Nelle prossime ore sapremo con esattezza l'iter del provvedimento e se le nostre indiscrezioni sul relatore assegnato al DDL in VII Commissione cultura saranno confermate: l'Onorevole più quotato è Maria Coscia del PD.

Giovedì inizieranno, con molta probabilità, le audizioni. Saranno sentiti sindacati, associazioni di genitori, associazioni professionali e dei genitori. Sono in tutto 56 audizioni per i quali saranno necessari circa 15 giorni.

I tempi pronosticati per il percorso alla Camera non vanno oltre fine aprile, quindi (considerata la pausa del 1 maggio) il testo passerà al Senato: ciò non potrà avvenire prima del 4/5 maggio.

Se non saranno concordati gli emendamenti tra i due rami del Parlamento, ci potremmo trovare davanti alla volontà del Senato di apportare ulteriori modifiche, con successivo giro parlamentare.

Andare oltre il 31 maggio come data per l'approvazione della legge, potrebbe incidere negativamente sulla tempistica per le assunzioni dei docenti. Vedremo se il Governo, vedendo un prolungarsi dei lavori, deciderà di intervenire con un decreto legge, almeno per ciò che riguarda le assunzioni.

Tutto sulla Buona scuola

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione