DDL riforma. Emendamenti Lega: no abolizione GaE, assumere prima precari 36 mesi, stop mobilità interregionale

di redazione
ipsef

A breve inizierà il balletto degli emendamenti per le modifiche al testo di riforma della scuola. Ieri il PD si è riunito per concordare alcuni cambiamenti.

A breve inizierà il balletto degli emendamenti per le modifiche al testo di riforma della scuola. Ieri il PD si è riunito per concordare alcuni cambiamenti.

Tra le possibili modifiche, un "bilanciamento" dei poteri del dirigente scolastico. Ma i partiti di opposizione stanno già affilando le armi e preparando gli emendamenti.

Il primo partito per il quale abbiamo avuto un'imbeccata è quello della Lega Nord, che sta elaborando una serie di emendamenti con questi obiettivi:

  1. contenere il potere del dirigente scolastico;
  2. piano triennale di assunzioni;
  3. no all’eliminazione delle graduatorie con l’entrata in vigore del ddl (comma 10, art.8);
  4. priorità ai precari con oltre 36 mesi (v. sentenza Corte) (art.8);
  5. priorità, a parità di punteggio, agli abilitati PAS e TFA ;
  6. no a Carta nominale, sì a corsi di formazione continua con acquisizione crediti formativi (sulla falsariga degli iscritti agli Ordini professionali);
  7. no a nuova sacca di esodati della scuola con l’art.12 del ddl;
  8. emendamento “esodati quota’96”;
  9. classi ponte per gli alunni stranieri che non conoscono la lingua italiana;
  10. previsione per l’insegnamento della lingua inglese il sistema di esami YLE.

Ieri, la notizia che la lega sta lavorando ad emendamenti che modificano la mobilità, con particolare riferimento a quella interregionale.

Vedi anche

Ecco la riforma della Lega Nord: presidi nominati dai docenti. No a mobilità insegnanti tra le regioni

Tutto sulla Buona scuola

I lavori parlamentari in tempo reale

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione