DDI, docenti precari: per loro pc e tablet della scuola sono in comodato d’uso

Stampa

Tempo di attivazione della Didattica Digitale Integrata. Al momento e fino al 24 novembre, per la scuola secondaria di II grado, con diverse percentuali che vanno da almeno il 75% al 100%. Ma bisogna essere pronti ad ogni evenienza, considerato il perdurare dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021. 

E in questa direzione Anief e Cisl hanno sottoscritto il CCNI che regola la cosiddetta “didattica a distanza” o meglio didattica digitale integrata, già utilizzata in questi mesi dalle scuole e che adesso trova concretezza in una apposita regolamentazione.

il Ministero ha accompagnato la diffusione del Contratto con una nota molto ben dettagliata su diritti e doveri del personale scolastico durante questi mesi di attività.

Supplenti hanno il PC  o il tablet per garantire la Didattica Digitale Integrata?

Scrive il Ministero nella nota del 26 ottobre 2020 “In subordine alla necessità di garantire la strumentazione adeguata agli alunni, e tenuto conto che il personale di ruolo può usufruire della Carta del docente, è opportuno che le istituzioni scolastiche attivino le verifiche delle effettive necessità del personale docente a tempo determinato, da poter assolvere attraverso lo strumento del comodato d’uso, al fine di essere comunque preparati ad ogni evenienza.

Nuovi Pon

Lo aveva già comunicato il Ministro Azzolina e adesso anche il Ministero annuncia

“L’Amministrazione è costantemente impegnata al fine di proseguire l’incremento della dotazione di strumentazioni tecnologiche e connettività, a favore del personale e degli studenti, attraverso una specifica disposizione contenuta nel decreto-legge 104/2020, che prevede un ulteriore finanziamento di 10 milioni di euro, a valere su risorse PON, nonché delle istituzioni scolastiche che ancora ne ravvisassero la necessità, anche attraverso ulteriori bandi PON in via di emanazione.”

La nota del Ministero 26 ottobre 2020

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia